Una immagine del Mondiale di motocross del 2019 a Imola con il pubblico. Quest’anno si va a Faenza senza spettatori

Faenza. La FIM (Federazione Motociclistica Internazionale) ha reso noto il 3 luglio l’aggiornamento del calendario MXGP per la stagione 2020. Imola e l’intero territorio del Con.Ami avranno la possibilità di ospitare una doppia gara iridata con denominazione MXGP of  Italy (15-16 settembre) e MXGP of Emilia – Romagna (19-20 settembre).

I due gran premi iridati, qualora confermati visto il continuo evolversi delle normative riguardanti gli eventi sportivi, si disputeranno sulla pista del crossodromo di Monte Coralli a Faenza, a causa delle disposizioni sul Covid-19 che non prevedono presenza di pubblico. Si verrebbe così a consolidare la partnership tra Formula Imola e Franco Ercoletti, presidente del Moto Club Monte Coralli, che ha permesso, negli ultimi due anni, di portare il cross mondiale all’autodromo “Enzo e Dino Ferrari”.

Ricordiamo che il crossodromo Monte Coralli di Faenza ha ospitato diverse edizioni del mondiale cross, l’ultima nell’anno 2012, dove Antonio Cairoli al termine di gara uno, si è aggiudicato nella classe MX1, il suo sesto titolo Mondiale .

Franco Ercoletti presidente Moto Club Monte Coralli, dichiara: “Quando mi è stata fatto questa proposta ammetto che sono rimasto un po’ perplesso, due gare in una settimana sono impegnative, soprattutto in questo periodo causato dalla Pandemia Covid-19 e dall’economia in generale, ma poi, pensandoci bene, la cosa non era impossibile da realizzare. Riportare il Mondiale MXGP a Faenza è una grande soddisfazione, mi dispiace per tutti i tifosi che purtroppo non potranno essere presenti a tifare per i propri iloti, ma che comunque potranno seguire la gara televisivamente. Ringrazio Formula Imola, con la quale collaboriamo già da due anni, e Infront Moto Racing per la fiducia accordatami, io e tutto lo staff del  Moto Club Monte Coralli Faenza ci metteremo il massimo impegno per la buona realizzazione delle due gare di MXGP”.

David Luongo, CEO Infront Moto Racing, ricorda che “a causa dello sviluppo del virus COVID 19 e di tutte le conseguenze annesse, abbiamo scelto in accordo con l’organizzatore di spostare il GP dell’Emilia – Romagna dal circuito di Imola a Faenza nelle migliori condizioni per l’organizzatore stesso. Grazie al fantastico impegno e alla passione che contraddistingue il lavoro di tutto il team Formula Imola e del moto club di Faenza è stato possibile aggiungere una seconda data al già preannunciato MXGP dell’Emilia Romagna. Infatti siamo molto lieti di annunciare che 2 gare questo anno avranno luogo nel bellissimo circuito di Faenza con l’aggiunta del GP d’Italia. Vorrei ringraziare tutte le parti coinvolte in questo progetto, il presidente di Formula Imola Uberto Selvatico Estense, la Regione Emilia-Romagna e il moto club di Faenza”.

Infine Uberto Selvatico Estense, presidente di Formula Imola, sottolinea che “nell’attuale contesto economico e sportivo causato dalla pandemia Covid-19, stiamo lavorando per cercare di recuperare ossigeno per il territorio, rispetto alle gare con pubblico annullate causa pandemia. L’ipotesi di una doppia gara del mondiale MXGP seppur a porte chiuse consentirebbe la presenza degli addetti ai lavori, che sicuramente usufruiranno delle strutture recettive locali. La scelta di Faenza, Comune facente parte del consorzio Con.Ami, è di duplice valenza: da una parte correre su un tracciato già esistente consente all’organizzatore Formula Imola di risparmiare importanti costi organizzativi considerando la mancanza di vendita di biglietti agli spettatori a fronte di un contributo del promotore Infront Moto Racing; dall’altra il grande ritorno a livello internazionale televisivo del campo da cross faentino del Moto Club Monte Coralli, che negli anni ha ospitato diverse gare iridate mostrando sempre grande competenza e professionalità. Per raggiungere l’obbiettivo è fondamentale lavorare con grande passione e determinazione in squadra con Franco Ercoletti ed Infront Moto Racing, la società promotrice del MXGP; inoltre fondamentale sarà lo sforzo delle istituzioni politiche regionali e locali, che hanno un’occasione importantissima per dare un supporto concreto alle realtà turistiche del territorio e per suggellare il patto territoriale tra Imola e Faenza”.