Nella foto il Pronto soccorso che a luglio e agosto sostituirà la tenda del pre-triage per verificare eventuali pazienti affetti da Covid. Nella foto i pannelli del periodo di lock-down donati dal fotoreporter Marco Isola all’Ausl

Imola. Da lunedì 6 luglio il pre-triage di Pronto Soccorso viene svolto all’interno della struttura ospedaliera e non presso la tensostruttura esterna, che in questi mesi è stata un po’ il simbolo dell’emergenza Covid. La “tenda” però resta al suo posto e riprenderà a funzionare a fine settembre, quando le temperature ne permetteranno nuovamente l’utilizzo e in vista dell’esigenza di garantire un filtro esterno adeguato nel periodo autunnale.

Nei mesi estivi, lo svolgimento dell’attività di pre-triage è assicurata da un infermiere dei servizi di emergenza-urgenza nell’area tra la rampa d’accesso pedonale al Pronto Soccorso e quella di Triage. La fase di tri age, invece, verrà svolta dal personale Infermieristico dedicato all’interno del Pronto Soccorso seguendo specifici percorsi in base ai differenti livelli di sospetto di infezione da SARS-COV 2 

L’accesso dalla rampa pedonale di Via Belpoggio è quindi dedicata esclusivamente a chi si reca in Pronto Soccorso, (pazienti ed operatori del servizio), mentre resta interdetta a tutte le altre persone, compresi i dipendenti aziendali, che devono accedere all’Ospedale dall’atrio centrale di Via Belpoggio e sottoporsi alle verifiche del check point di 1° livello.