Imola. Oltre un centinaio di persone, con mascherina e distanziati, hanno partecipato all’incontro organizzato dalla lista Imola Coraggiosa al Centro sociale “La Tozzona” nella serata del 13 luglio. Tante, di questi tempi. Al centro dei discorsi “la necessità di rifondare la sinistra”, come ha detto Anna Pariani e la volontà, ribadita da Elly Schlein, vicepresidente della Regione, come sempre brava e applaudita “di tornare ai valori fondanti della sinistra nella patria del socialismo e di Andrea Costa. Democrazia e antifascismo, lotta alle disuguaglianze, patto per il clima e un piano per la casa riqualificando l’edilizia popolare sono i tratti fondamentali della nostra lista. Anche quando ci fa arrabbiare la politica, anche quando ci delude, non dobbiamo perdere la speranza di poter agire sulle cose attraverso la politica. È il tempo di provare scelte diverse. Scelte coraggiose che vogliamo portare nel confronto in coalizione”.

Si è visto per un saluto il candidato a sindaco del centrosinistra a guida Pd Marco Panieri ed è intervenuto pure il “comunista” Filippo Samachini (supportato da Nino Villa e altri orgogliosi della falce e martello) che sarà candidato in tale lista. Coordinati dal tavolo dove si trovavano pure Laura Pasquali e il consigliere regionale Igor Taruffi, parecchi gli interventi dal pubblico. Buona parte dei quali critici soprattutto verso i due anni scarsi dell’Amministrazione della dimissionaria ex sindaca Manuela Sangiorgi ma pure, ad esempio da Naser Naser, degli ultimi cinque anni da primo cittadino di Daniele Manca durante i quali a suo avviso e non solo suo “la città si è fermata, sono stati scarsi i rapporti con i cittadini e sono stati lasciati problemi irrisolti”. Applausi.

I temi sui quali si concentrerà la campagna elettorale saranno soprattutto il lavoro, il sociale, la sanità pubblica sulla quale per quanto riguarda Imola è stato dato un giudizio positivo della gestione dell’emergenza Coronavirus, il futuro dell’autodromo.

Serata interessante, anche se si attendono con ansia le “scelte coraggiose e di sinistra” in discontinuità con il mandato di Manca e il programma di due anni fa di Carmen Cappello che Imola Coraggiosa tenterà di inserire nel programma del centrosinistra.

(m.m.)