Castel San Pietro (Bo). Oltre 40 imprenditori e i rappresentanti delle associazioni di categoria hanno partecipato all’incontro con Vincenzo Colla, assessore allo Sviluppo Economico e Green Economy, Lavoro, Formazione della Regione Emilia-Romagna sul tema “Politiche regionali per lo sviluppo economico”, promosso dal sindaco Fausto Tinti del Comune di Castel San Pietro Terme, in accordo con il sindaco Claudio Franceschi del Comune di Castel Guelfo. L’incontro si è tenuto lunedì 13 luglio nella sala assemblee di Trascoop e Servizi, con sede nell’Apea San Carlo, nella zona industriale Ca’ Bianca, con la partecipazione di Francesca Marchetti, consigliera Pd della Regione Emilia-Romagna e Claudio Garagnani, vicesindaco di Ozzano Emilia

Dopo i saluti del presidente di Trascoop Bruno Baroncini, sono intervenuti il sindaco Tinti che ha presentato l’Apea San Carlo, l’assessore Colla che ha spiegato le politiche regionali per lo sviluppo economico, diversi imprenditori che hanno fatto domande e considerazioni, e il sindaco Franceschi per le conclusioni.

“L’Apea San Carlo è un’icona dell’attrattività del territorio e di come due Comuni lavorano insieme – ha sottolineato Tinti –, un’area di 325 ettari, di cui 190 già realizzati e 135 in fase di realizzazione, una realtà unica, senza soluzione di continuità che dialoga e interagisce in un territorio allargato, inteso come un unico bacino di occupazione e di imprese, un’area con servizi e che produce. Nell’area di Castel San Pietro Terme ci sono 46 imprese con quasi 3mila occupati e un fatturato di 2800 milioni di euro, in quella di Castel Guelfo 21 imprese, 1300 occupati e 642 milioni di euro (esclusa l’area commerciale dell’Outlet). Negli ultimi anni abbiamo lavorato per darci delle regole con i nuovi strumenti urbanistici e per portare nuovi insediamenti. Per Castel San Pietro Terme: nel 2018 Decathlon e Aetna Group-Robopac, nel 2019 Walvoil, Sacmi, ampliamento Arcese, nel 2020 ampliamento Alce Nero, nel 2021 arriveranno Ima Group e il Centro logistico Despar e nel 2021-22 è previsto lo sviluppo di tre piastre logistiche. Per Castel Guelfo: nel 2019 Honda, nel 2020 la sede direzionale di Coop Reno e nel 2021-22 lo sviluppo di due piastre logistiche. Per attrarre nuovi investimenti e occupazione di qualità, vogliamo che diventi un unicum in termini di networking e realizzare servizi e opere viarie di rilevanza dentro e intorno all’Apea. E’  la traiettoria che ci siamo dati a inizio mandato, un mandato che è stato colpito dall’epidemia da Covid-19, che ci ha costretti ad occuparci dell’emergenza socio-sanitaria e ora ad affrontare l’emergenza delle imprese”.

“Il tema della tenuta sanitaria deve far riflettere – ha aggiunto l’assessore regionale al Lavoro –. Questa situazione ha messo ko il mondo e messo in crisi il liberismo ovunque. Si deve lavorare per la messa in sicurezza del sistema Europa. Come arriveremo al 2021 con le nostre imprese? Bisogna fare investimenti e far ripartire il mercato interno e per far questo bisogna puntare sull’innovazione e sull’edilizia che muove una filiera fondamentale. In marzo e aprile abbiamo avuto nella nostra regione un milione di persone in cassa integrazione, ma a maggio le imprese hanno dimostrato una forte capacità di reazione. Ringrazio i corpi intermedi che hanno avuto una tenuta eccezionale in particolare sulla questione dei codici Ateco, e i sindaci in prima linea. Ora progettiamo la ripresa. Il bonus edilizia può funzionare come risposta alle nostre città. C’è un motivo se in questa Apea ci sono tante multinazionali: si fanno investimenti dove ci sono serietà e competenze, è questa la chiave del successo del nostro territorio. Vogliamo attrarre investimenti pazienti, non speculazioni. E dobbiamo attrarre talenti e giovani, perché questa è l’economia della conoscenza. Per questo dobbiamo offrire retribuzioni dignitose, case, scuole internazionali per le famiglie e tutto il sistema di infrastrutture intorno alle imprese. Un tema fondamentale è la semplificazione: togliere burocrazia e garantire la legalità, per liberare le risorse che abbiamo già. E fare un patto per coinvolgere le città”.