Faenza. A seguito dell’annullamento da parte dell’Amministrazione comunale delle celebrazioni del Niballo 2020 (causa emergenza Covid -19), il 28 giugno scorso è stata allestita una mostra fotografica in via Pistocchi raffigurante i personaggi principali del Palio a cura del fotografo Francesco Bondi. Accanto alle immagini è esposto il drappo del Niballo, dipinto dall’artista Marco Casadei, raffigurante l’effigie di San Pietro affiancato agli stemmi dei Rioni faentini-avrebbe dovuto essere consegnato al Rione vincitore della giostra 2020.

Secondo quanto dichiara l’artista, l’intenzione dello stesso era principalmente quella di dare una interpretazione meno usuale della figura dell’apostolo poi Capo della Chiesa cattolica romana. “Ho assistito da esterno all’iter che ha portato a questa scelta sofferta e, come è naturale che sia, in questa situazione inedita, mi sono reso disponibile a dare l’unico contributo a mia disposizione verso la città di Faenza, quello cioè di modificare e adeguare il drappo all’anno 2021, in modo che possa essere utilizzato per la prossima edizione del Palio, col desiderio, anch’io, di poterlo vedere nel suo contesto naturale per cui è stato studiato: quello di premio per il Rione vincitore della 64esima edizione del Niballo Palio di Faenza”.

(Annalaura Matatia)