Gentile redazione,
non sarà certo una grande notizia, ma guardate questa bandiera e ditemi se non rappresenta l’Italia di oggi, soprattutto alla luce dei recenti negoziati con i nostri condomini europei! La bandiera europea si vede integra nel colore e nella forma, quella italiana tutta scolorita, strappata e che perde i pezzi!

La fotografia allegata è una delle tante scattate nel corso di 2 anni! In questo paio d’anni tutti i cittadini sono passati per via Cavour, strada principale di Imola (BO), dove c’è anche un noto e prestigioso ristorante a pochi passi dalla scuola Carducci che appende fuori dalle finestre di una classe queste bandiere.

Tutti hanno avuto modo di vedere la nostra bandiera, quella strappata… anche i turisti che frequentano il famoso ristorante, per questa strada passano tutti: i vigili urbani e gli ausiliari che quotidianamente controllano ogni vettura parcheggiata, gli insegnanti e i bidelli della scuola, i genitori che accompagnano i loro figli, la gente che passa, quelli che portano fuori il cane, i vicini che abitano nei palazzi adiacenti… tutti insomma!

Ho telefonato e parlato con chi potevo, ho parlato con le signore delle pulizie della scuola, ho parlato con il segretario della scuola, con la preside, con un paio d’insegnanti, ho telefonato ai vigili urbani, ho telefonato ai carabinieri.… ora faccio questo ultimo tentativo e scrivo a voi perché una bandiera non può versare in questo stato per anni senza che nessuno faccia nulla, senza che chi se ne deve occupare continui a non farlo!

Lo stato di queste bandiere esprime chiaramente la situazione che vive l’Italia oggi: avvinghiata all’Europa, ma a differenza di questa è lacerata e a brandelli!

Un’ immagine indecorosa, offensiva, che fa male e che vorrei ricordare non è certamente di buon auspicio!

(Enrica Tabellini)