Faenza. AssembraMenti 2020 (la versione Covid del festival Strade Blu) propone una serata dedicata alla musica d’autore, due dischi freschi freschi di stampa, onde wave sulla polvere dei folklori, e di una canzone italiana classica e futurista insieme. Tutto questo nel giardino del Museo internazionale delle ceramiche di Faenza, giovedì 30 luglio, dalle 21.30 (informazioni e prenotazioni www.stradeblu.org).

Da sinistra: Houdini Righini, Massimiliano Larocca e Franco Naddei

Lascaux è l’ultimo lavoro di Giuseppe Righini – aka Houdini – un disco primordiale e venturo, ferale e vitale, di passaggio e presagio che sceglie le ossa dell’elettronica e la pelle dell’elettricità. È la declinazione di ogni (non) tempo, ogni movimento che decide, (in) coscienza, di assecondare, inseguire la sua canzone. Ora spigolosa. Ora femminile. Con la sua voce. Con la sua danza. È una stilla fertile e bruna. Nelle parole, nei suoni, nei paesaggi dei luoghi che la racchiudono si muove un’esigenza di comunicazione fatale, antichissima e siderale, promessa solo e soltanto al proprio cielo. Sul palco insieme a Franco Naddei – aka Franco Beat – che ne ha curato arrangiamenti, master e produzione artistica.

A tre anni di distanza dal progetto musicale sul poeta toscano Dino Campana, il musicista fiorentino Massimiliano Larocca torna con il suo nuovo disco autografo, Exit | Enfer (letteralmente Uscita | Inferno, nella doppia origine inglese/francese), un progetto ambizioso che taglia i ponti con le produzioni passate, non fosse altro per il coinvolgimento in fase artistica e produttiva di uno degli artisti internazionali più stimati in Italia, Hugo Race, ex Nick Cave & The Bad Seeds. È un disco che sin dal titolo esprime una tensione, un dualismo, un sentimento forte dal doppio volto: luce e ombra, amore e odio, vertigini e abissi. I temi sono quelli dell’amore nelle sue glorie e nelle sue perdite, della ricerca d’identità individuale e collettiva, dei rapporti umani nelle loro evoluzioni più profonde, che si uniscono ad alcune canzoni scritte come vere e proprie short-stories. Senza perdere mai uno sguardo d’insieme sugli eventi del mondo contemporaneo e sulle tracce lasciate dal nostro passato e dalla nostra Storia.

Ingresso gratuito con offerta libera. Inizio ore 21.30. Prenotazione obbligatoria: info@stradeblu.org

Nella stessa sera, il Mic organizza per i partecipanti all’evento (e per chiunque fosse interessato) una visita guidata “a tema musicale” alle collezioni del Museo, dalle ore 20 (ingresso 3 euro, gratis ragazzi fino a 14 anni e studenti faentini fino ai 18). Prenotazione obbligatoria: Mic 0546 697311 oppure a info@micfaenza.org

Calendario 2020

Venerdì 31 luglio – ore 21.30 – DON ANTONIO | STEFANO PILIA – Piazza Nenni Faenza
Il lato A del nostro Lockdown Blues senza passaporto che si immerge nel Mediterraneo e riemerge sulle coste d’Africa. Da esplorare insieme a un bel quartetto e al chitarrista italiano che mette d’accordo Afterhours, Massimo Volume e Rokia Traore’.

Don Antonio Gramentieri

Stefano Pilia

 

 

 

 

 

 

 

Sabato 1 agosto – ore 21.30 – STIV CANTARELLI | EDWARD ABBIATI – Parco Piancastelli Fusignano (RA)
l rock and roll, il folk e il garage come linguaggio globale? Un incontro fra due specialisti (inter)nazionali del genere, con un disco nuovo in cantiere: ecco cosa si cela dietro l’acronimo ACC (The Abbiati Cantarelli Cospiracy)

The ACC band

Giovedì 6 agosto – ore 21 – ELISA RIDOLFI | RICCARDO BERTOZZINI – Giardino della Biblioteca Alfonsine (RA)
Fado e musica d’autore, chitarra classica e pathos adriatico. Una grande voce, una grande chitarra e un po’ di luna per una serenata all’estate ritrovata (in collaborazione con Pensiero, narrazione e voce).

Sabato 8 agosto – ore 21.30 – SAVANA FUNK | MAX CASTLUNGER – Anfiteatro Spada Brisighella (RA)
La Bologna del jazz elettrico e l’Africa in trance da ballo, le percussioni e un funk vitale, di colori e pulsazioni. La Savana sale in collina, cambi climatici in vista (in collaborazione con “Calici sotto i Tre Colli: le Stelle del Borgo”).

Martedì 11 agosto – ore 21.30 – OPEZ | PASQUALE MIRRA – Albergo Antico Convento San Francesco Bagnacavallo (RA)
Il Messico e il West sulle chitarre romagnole, con un pensiero al grande schermo e uno alla balera. E un vibrafonista d’eccezione a portare swing, mistero ed eleganza intorno a tutto quanto.

Giovedì 13 agosto – ore 21.30 – VINCE VALLICELLI | PAOLO BONFANTI – Arena San Domenico – Forli (FC)
Il lato B del nostro blues afro romagnolo, un suono con molte anime, sempre full band. Qui c’è anche Paolo Bonfanti, che con la sua slide scivola dal dialetto piemontese al Delta di altri fiumi.

Venerdì 14 agosto – dalle 19 in poi – FERRAGOSTO ANALOGICO – Piazza Matteotti Modigliana (FC)
“L’amor mio non muore” presenta:
GIACOMO TONI | PEPE MEDRI
PAUL VENTURI BAND
THE LOCKDOWN BLUES JAM
Lo studio di registrazione romagnolo che più somiglia a una filosofia di vita mette in campo i suoi assi per una festa di Ferragosto caliente, dalle parole d’autore alla musica delle radici. C’è da divertirsi e da vedere gente che suona insieme, perché è così che si fa.

Domenica 16 agosto – ore 21.30 – GOODFELLAS | MARCO PANDOLFI – Piazza Matteotti Modigliana (FC)
Gli anni ruggenti dello swing italoamericano, con i monumenti romagnoli (e non solo) del genere. Marco Pandolfi porta spezie blues e western swing, e riporta tutto a casa a volo radente sull’Oceano.