Imola. Sono 24 persone unite “dalla concretezza e dalla politica del fare che abbiamo riscontrato in Marco Panieri grazie pure al suo modo di approcciarsi con la gente e alla sua capacità e volontà di impegno per la nostra città”. La lista “Imola Corre” è l’unica civica fra quelle che sostengono il candidato a sindaco della coalizione di centrosinistra perché non ha al proprio interno iscritti ai partiti o con esperienze recenti in questi a parte Pierpaolo Mega che non nasconde il suo passato nel Pd e il suo appoggio a Matteo Renzi, ma ci tiene sottolineare di essersi candidato “per aver trovato in Marco grande empatia, è una persona capace di rapportarsi con le persone, cosa che non ho sempre trovato quando ero nel Pd. Sono per lo sviluppo di una sinistra aperta, laica e liberal”.

Nella “squadra” ci sono competenze specifiche pronte a mettersi al servizio della città, parecchi impegnati nell’associazionismo e tanti, a diversi livelli, nello sport.

La capolista è la docente universitaria Patrizia Tassinari che dice “di aver raccolto l’invito perché penso di poter portare la mia esperienza sulla formazione dei giovani e sulla sostenibilità ambientale.. La sede distaccata dell’Università a Imola è passata da 35 a 950 studenti negli anni e ha i servizi più alti dell’Ateneo grazie ai contributi della Fondazione Carimola, dell’Amministrazione comunale e del Con.Ami. Tuttavia si possono ancora migliorare anche con l’arrivo del corso di laurea in Meccatronica dal prossimo anno accademico”.

Elena Penazzi non nasconde la sua “passione per la comunicazione e per l’autodromo dove ho lavorato come assistente ufficio stampa fino al 2006 quando portai Schumacher dai giornalisti l’ultima volta che al circuito si tenne un Gp di F1 che quest’anno torna. Come imprenditrice titolare di una farmacia, da 20 anni ho un rapporto positivo con la Croce Rossa e la Lilt che ci ha portato a eseguire mille visite gratuite per la prevenzione del melanoma”.

Davide Scazzieri è “un atleta paralimpico di tennis tavolo, vicepresidente del Comitato italiano paralimpico regionale e membro dl CdA della Fondazione Montecatone Onlus. Voglio allacciare sempre di più il Comune alla realtà di Montecatone”.

Entusiasta Marco Selleri, ora in pensione, che segue il ciclismo e annuncia come “Imola sia fra le candidate a ospitare i campionati mondiali professionisti sulle due ruote di questo fine settembre. Seguo pure il Giro d’Italia dei non professionisti girando tanti Comuni dove raccolgo negatività e positività per portare queste ultime a Imola”.

Carla Lamieri ricorda “il mio contributo a migliorare gli aspetti sanitari quando sono stata presidente del Comitato consultivo misto dell’Ausl di Imola”.

Rita Raccagni come presidente del Consiglio di istituto di un polo imolese ricorda che “le famiglie devono conciliare il lavoro con l’educazione dei figli che non possono venire trascurati. Quindi servono strumenti culturali necessari e digitalizzazione, lavorerò in questa lista per una nuova Imola”.

Ecco gli altri componenti della lista: Guglielmo Vicenzi primario della divisione di Ortopedia e Traumatologia dell’Ospedale Civile di Imola. Dal 2004 al 2015 è stato il direttore del Dipartimento Chirurgico dell’Azienda Usl di Imola; Barbara Bosi ragioniera, attiva nell’associazionismo sociale e in diverse realtà scolastiche mediante i comitati genitori, per promuovere iniziative a sostegno dei più giovani; Salvatore Casertano dipendente della Irce S.p.a. e consigliere presso il centro sportivo italiano. Impegnato in molte attività di aiuto umanitario, tra cui il terremoto di Amatrice; Roberta Casetti imprenditrice nel settore eventi, fiere, manifestazioni sportive e culturali, enogastronomiche e turismo. Sfruttando la sua decennale esperienza in questi ambiti; Sofia Conti lavora nel settore dell’intralogistica in una società tedesca nella sede di Imola; Cristiano Renzi si occupa tramite la sua associazione di crisi dei rapporti di lavoro delle alte professionalità, consulenza aziendale e gestione contenzioso nei settori ad intensità di lavoro e negoziazione sindacale aziendale; Massimo Fiera da 20 anni è impegnato in particolare nel settore giovanile, prima nell’Andrea Costa Imola Basket ed ora come direttore sportivo e responsabile Minibasket dell’International Basket Imola; Alan Manara presidente presso Centro Abita – amministrazioni condominiali; Alessandro Martelli, 21 anni. laureato in Economics and Finance presso l’Università di Bologna con votazione 110 e lode; Luca Mengoli impegnato da anni come genitore nel promuovere la collaborazione scuola-famiglie; Loredana Michilli impiegata presso patronato Epasa-Itaco Cna Imola; Dervis Nanni è presidente della Cooperativa Sociale Il Sorriso; Marcello Pollini impegnato nella comunicazione sportiva e nell’organizzazione di eventi all’autodromo dove è capo ufficio stampa; Sara Suzzi titolare del negozio Lecca Lecca nel centro storico; Marco Tattini ha giocato per 18 anni all’Imolese Calcio, senza trascurare la sua formazione culturale. Oggi sceglie di partecipare attivamente alla vita di comunità della sua città; Antonio Ussia impiegato nel settore commerciale marketing; Mattia Visani collabora con professionisti del settore delle arti dello spettacolo,

Panieri considera la sua “una squadra che guarda al domani per realizzare una città solidale, innovativa e connessa. In questo momento difficile ci servono stabilità, sviluppo economico, formazione e fare rete. Abbiamo bisogno di una cabina di regia per ridare spazi alla città come i giardini di San Domenico e il parco dell’Osservanza riqualificati. Insomma ‘Imola Corre’ ma non troppo veloce per riuscire ad andare verso le esigenze di tutti”.

(Massimo Mongardi)