San Lorenzo è passato ma è sempre tempo per una passeggiata fra le stelle. E così “In mezzo scorre il fiume”, il festival che ha animato questa strana estate con epifanie musicali sui percorsi naturali delle vallate del Santerno e del Sillaro, conclude la sua prima avventura con uno sguardo al cielo. Un buon auspicio per un progetto che pare essere nato e cresciuto sotto una buona stella. Alla vigilia dell’ultimo appuntamento già si può abbozzare un bilancio di due mesi di cammino. Un bilancio che pare volgere al bello, per il successo di pubblico che tutti gli eventi hanno riscosso.

Angelo Adamo

“La notte delle stelle” sarà sotto il cielo a Sassoleone, da dove partirà domani sera 28 agosto alle 19,30 un’escursione di 4 chilometri con un dislivello di 150 m. Un percorso fra terra e cielo condotto da Angelo Adamo, (astronomo, narratore, pianista, armonicista). Un cammino attraverso il sentiero e il racconto dei miti legati alle costellazioni e alle stelle che saranno puntualmente individuate e indicate ai presenti. Sul cammino altre suggestioni musicali legate alla Natura. A proporle saranno l’arpa di Marianne Gubri, arpista bretone cheri porterà a un passato arcaico e sognante fatto di un substrato culturale comune a tutte le genti d’Europa. E ci si imbatterà nuovamente nel violoncello di Enrico Guerzoni, violoncellista eclettico celebrato per il suo ritmo e la sua creatività compositiva, già incontrato nell’escursione a Ca’ Maggiore e molto apprezzato dal pubblico. Appariranno come elfi lungo il cammino. Un’ atmosfera perfetta per godere delle bellezze della volta celeste.

 “Sono felice che questa prima edizione abbia avuto tanto seguito e tanto successo” ha dichiarato Luisa Cottifogli, che è anche Direttrice Artistica del festival. “Qualche mese fa, in piena clausura Covid, non avrei mai pensato di riuscire a realizzare tutto ciò. Il sogno nato sul fiume Santerno a fine marzo 2019, quando organizzai in quattro e quattr’otto un flash mob musicale, invitando colleghi musicisti di varia provenienza sotto al ponte di Castel del Rio. Lì si è alzò una voce sola fra artisti e gente intervenuta per manifestare contro le operazioni di taglio alberi che avevano distrutto piante e rive a partire da gennaio.  Quando ho visto tante persone giungere anche da lontano per cantare ad una sola voce assieme ai musicisti, ho capito che portando musica e cultura di qualità, puntando i fari sulla bellezza di questi territori, si poteva davvero difendere le nostre valli dagli attacchi alla natura e al paesaggio”.

Enrico Guerzoni

“L’obiettivo del Festival” prosegue Luisa Cottifogli “con la sua rassegna itinerante era infatti  quello di riscoprire la natura del nostro territorio, troppo spesso sconosciuto persino a chi vi abita e troppo spesso bistrattato nella sua bellezza paesaggistica e nella sua biodiversità. Portare la gente a conoscere e amare i nostri territori attraverso escursioni lungo le quali incontrare musicisti di alto livello o attraverso concerti in luoghi significativi per paesaggio e storia, è un grande sprone a scoprire o riscoprire le ricchezze delle nostre valli, la grande biodiversità che esse ancora contengono. C’è bisogno di un turismo rispettoso, curioso ma in punta di piedi, di un turismo di cultura, non del turismo mordi e fuggi, quello ignorante che magari viene al fiume lasciandosi dietro rifiuti e fuochi accesi dove è assolutamente vietato. E’ il messaggio di bellezza che tutto il festival “In mezzo scorre il fiume” vuol portare alla gente”.

Gli artisti

Angelo Adamo. Armonicista ed endorser della marca di armoniche SUZUKI, ha studiato anche pianoforte, composizione e arrangiamento conseguendo, con Lode, la Laurea in “Musica per Utilizzo Multimediale” (“Musica d’Uso”) presso il Conservatorio “G.B. Martini” di Bologna. Primo premio assoluto e primo premio nella categoria “Armonica Cromatica” al Grand Prix internazionale di armonicisti tenutosi a Pärnu, in Estonia, oltre ad aver collaborato con numerosi artisti della scena house, blues, rock, pop (G. Morandi, S. Bersani, C. Lolli, T. Ferro, J. De Leo, Sicania Soul, Pasta Boys, Osunlade, …), suona jazz e musica classica svolgendo intensa attività concertistica. Laureato in Astronomia (Università di Bologna), PhD in Fisica e Astrofisica (Università dell’Insubria), Master in Comunicazione della Scienza (S.I.S.S.A. di Trieste), ha lavorato al “Planetario e Museo dell’Astronomia” di Roma, al Parco Astronomico GAL-Hassin (Isnello, PA) e negli Osservatori INAF di Asiago, Bologna, Catania, Palermo. http://www.angeloadamo.com

Marianne Gubri unisce un viaggio musicale originale ed unico a una ricerca di sviluppo personale. Ha studiato in tenera età l’arpa celtica in Bretagna (Francia) prima di dedicarsi all’antica arpa in Italia, e ora viaggia in tutto il mondo con i suoi progetti musicali e le sue composizioni ispirate alle culture tradizionali, alla musica antica, minimal e al sound healing. Ha pubblicato 2 album da solista, 2 con l’hang drum e più di 10 dischi in musica antica e celtica. Direttore artistico del Bologna Harp Festival, unisce appassionatamente la sua attività di musicista a quella di insegnante in corsi internazionali.  https://www.mariannegubri.com

Enrico Guerzoni, eclettico violoncellista e compositore, con innumerevoli espe-rienze professionali e collaborazioni di alto livello in ogni campo e genere musicale: B. McFerrin, Teatro Comunale di Bologna, Solisti Veneti, L. Pavarotti, R. Muti, M. Nyman, Trilok Gurtu, Zucchero, Arkè String Quartet, P. Fresu, A. Ruggiero, F. Battiato, A. Bocelli, e molte altre collaborazioni sia in ambito Jazz, Pop, di musica da camera e primo violoncello in Italia e all’estero.

Insegna al pre-accademico del Conservatorio di Bologna e all’accademico del Conservatorio di Vibo Valentia. Sono stati stampati i suoi quartetti per archi, a-scoltabili anche su Spotify e iTunes, con il figlio Tiziano, anch’egli violoncellista,  ha fondato il duo GuerzonCellos. www.enricoguerzoni.com.

 

In Mezzo scorre il fiume fa parte di Bologna Estate 2020, il cartellone di atti-vità promosso e coordinato dal Comune di Bologna e dalla Città metropolitana di Bologna – Destinazione Turistica.

Gli eventi sono tutti ad accesso limitato con prenotazione obbligatoria

email inmezzoscorreilfiume2020@gmail.com

o al numero di telefono 340-0660043 (NO MESSAGGI)

attivo dal Lunedì al Venerdì dalle 10:00 alle 20:00.

(v.g.)