Da sinistra il maestro Franco Scala e la sovrintendente Angela Maria Gidaro

Imola. Sette concerti di alto livello animeranno fra settembre e ottobre, la nona edizione dell‘Imola Summer Music Academy and Festival proposta dall’Accademia “Incontri col maestro”, tutti a ingresso gratuito.

“Si tratta di un’edizione ridotta per cause di forza maggiore dovute alla pandemia – spiega la Sovrintendente della Fondazione Dell’Accademia Angela Maria Gidaro -. Tuttavia la manifestazione mantiene la doppia anima didattica (Academy) e concertistica (Festival) e sarà caratterizzata anche quest’anno dalla presenza di artisti acclamati e giovani di talento e dalle lezioni di strumento animate dai docenti dell’Accademia. Alcuni concerti sono realizzati in rete con il ‘Festival Musicale da Bach a Bartok’ e in collaborazione con importanti realtà orchestrali italiane quali l’Ensemble Orchestra Filarmonica Italiana e l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna. L’evento è stato realizzato in collaborazione con Comune di Imola, la Regione Emilia Romagna che ci ha dato un impulso importante mettendo a disposizione già a maggio i fondi per quest’anno, Ministero per i beni e le attività culturali e Fondazione Cassa di Risparmio di Imola”.

“Per l’edizione 2020, la parte ‘Academy’ sarà costituita dall’attività istituzionale dell’Accademia che, anche tramite il Summer Festival, ha l’opportunità di intensificare la formazione didattica d’eccellenza che da sempre contraddistingue gli ‘Incontri con il Maestro’ – precisa la Gidaro -. Le lezioni in presenza (con due pianoforti separati da un divisore in plexiglass) saranno principalmente dedicate agli allievi interni; gli studenti non iscritti all’ Accademia possono contattare la segreteria per partecipare in qualità di uditori, in sicurezza e gratuitamente, in linea con il protocollo aziendale anti contagio.”.

Ed ecco il progrmma dei concerti. L’apertura (20 settembre) è affidata a “La Musica per il cinema” con il concerto di Marco Albonetti, sassofonista di fama internazionale e docente dell’Accademia, che si esibirà in duo con il virtuosista Mario Stefano Pietrodarchi alla fisarmonica e bandoneon, accompagnati dall’ Ensemble Orchestra Filarmonica Italiana. In programma musiche di Rota, Molinelli, Morricone, Piovani, Piazzolla.

Subito a seguire i due appuntamenti in rete con il “Festival Musicale da Bach a Bartok”:  lunedì 21 il Rogerio Tavares Quartet presenta un repertorio di musiche sudamericane composto da brani originali e di alcuni omaggi ai più significativi autori della musica brasiliana di ieri e di oggi. Un itinerario che parte dai generi tradizionali come il sambae la bossa nova, fino ad arrivare al pop brasiliano più attuale. Voce e chitarra sono di Rogerio Tavares, basso elettrico e cori di Andrea Taravelli, batteria, percussioni e cori di Roberto Rossi, chitarra di Giancarlo Bianchetti.

Il 24 si esibiranno i Cellophonics, gruppo composto dai violoncellisti Tiziano Guerzoni, Enrico Mignani, Jacopo Paglia, Alberto Cavazzini, dalla cantante Nicole Fiore e dal batterista Simone Santi. Il repertorio spazierà dal pop al rock all’etnico.

Il 25 settembre l’Accademia di Imola presenta il giovane artista Francesco Maria Navelli, beniamino della città da anni sostenuto negli studi in Accademia dal Rotary Club di Imola, che si esibirà in un recital pianistico su musiche di Mozart, Skiabrin, Chopin e Liszt.

L’acclamato duo André Gallo Igor Roma, artisti amati dal pubblico imolese, il 2 ottobre omaggerà la città in un concerto a due pianoforti su musiche di Mozart/Grieg, Brahms e Poulenc.

Nell’appuntamento del 6 ottobre il violinista italiano Domenico Nordio, artista legato da anni all’Imola Summer Festival, in duo con Orazio Sciortino, pianista diplomato all’Accademia di Imola,  si esibirà su musiche di Beethoven, Grieg e Prokofiev.

La chiusura del Festival 2020 (9 ottobre) vedrà la prestigiosa partecipazione dell’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna diretta da Marco Boni. Il programma prevede il concerto per violino e orchestra di Mozart “Il Turco” eseguito dal giovane veneto allievo dell’Accademia Francesco Pavan.

Tutti i concerti si svolgeranno alla sala Mariele Ventre di Imola con inizio alle 20.45 e sono a ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria e ritiro dell’invito presso la sede dell’Accademia nella Rocca Sforzesca dall’8 al 18 settembre, dal lunedì al venerdì orario dalle 9 alle 19. Tel. 0542. 30802

Per ragioni di protocollo da emergenza Covid i posti a disposizione sono limitati e contingentati. Per assolvere alle misure di sicurezza gli ospiti sono invitati a recarsi in sala in via anticipata a partire dalle 20,15 con uso obbligatorio della mascherina. Il calendario del Festival, è consultabile nella sezione ‘Summer Festival 2020’ del sito dell’Accademia www.imolamusicacademies.org

Il maestro Franco Scala, fondatore e direttore dell’Accademia “Incontri col maestro”, ha anticipato una “chicca” che sarà svelata in modo articolato a breve: “In questi mesi l’Accademia non si è mai fermata. A partire dall’anno accademico 2020-21 l’Istituzione imolese presenta otto Accademie, tante quante i corsi di indirizzi dei corsi di laurea riconosciuti. L’Accademia di Imola è l’unica al mondo che può esprimere un riconoscimento di laurea sulla pratica dello strumento musicale unita allo studio degli insegnamenti musicologici, sviluppando un progetto prestigiosissimo che ci permette di intensificare le collaborazioni artistiche internazionali e la ricerca di talenti. Ma la fucina di idee che si propagano nel mondo musicale parte sempre dalla proprie radici  e anche quest’anno, seppur in modo posticipato per ragioni di sicurezza, proponiamo l’Imola Summer Music Academy and Festival. Continuiamo quindi ad offrire cultura alla città di Imola, attraverso i concerti che sono sempre gratuiti proprio nella volontà di voler restituire alla città ciò che la città ha fatto e fa per sostenerci. La stagione invernale 2019-2020 ci ha consentito di donare in beneficenza circa 10mila euro a favore del restauro del Complesso dell’Osservanza”.