Brisighella (Ra). “Nostalgia”, la “Dannazione dell’esule” è il titolo dello spettacolo che andrà in scena sabato 12 settembre, ore 21 chiesa di Santa Maria degli Angeli (Ex convento dell’Osservanza Brisighella). Si partirà da Dante per giungere ai poeti contemporanei con letture e riflessioni riflessione sull’origine e sull’importanza della nostalgia nella Commedia di Dante. In particolare la riflessione analizzerà, con esempi pratici e interpretazioni di frammenti della Commedia, la presenza di questo forte sentimento nelle tre cantiche partendo dalla considerazione di base che la Commedia è sì un cammino ma, sopratutto, è un ritorno. Un ritorno alla casa del padre.

chiesa di Santa Maria degli Angeli (Ex convento dell’Osservanza Brisighella)

Il ruolo della brisighellese Elisabetta Zambon, già scrittrice e poeta, sarà quello di evidenziare questi concetti in rapporto alla poesia contemporanea.

Giovanni Tonelli, cultore del percorso Dantesco da oltre vent’anni, vanta una forte esperienza nel campo di letture pubbliche e spettacoli teatrali incentrati su autori classici, con particolare interesse verso quelli italiani. Lo studio e la conseguente interpretazione sono sorretti dalla convinzione che la poesia sia nata per il canto e la declamazione, e quindi per l’ascolto.

Nell’affascinante atmosfera dell’antico ex-convento dell’Osservanza si propone questa singolare iniziativa che, grazie al patrocinio del Comune di Ravenna, si inserisce nel programma di eventi che con “Viva Dante” celebrano il Sommo Poeta. Si riconferma la fattiva collaborazione con il gruppo “Amici dell’Osservanza”, il Comune di Brisighella e “Il Cammino di Dante” che con Giovanni Tonelli ha visto, con successo, la forte interpretazione di altri protagonisti della cultura classica italiana.