Bologna (Aggiornamento ore 12 del 26 settembre). In Italia, la giornata odierna segna un leggero calo dei positivi: 1.869 contro i 1.912 di ieri con 104.387 tamponi (- 2.882), 17 i decessi (- 3). I ricoverati nelle terapie intensive sono 247 (+ 3). 977 guariti (ieri 954). In Emilia Romagna su oltre 10.000 tamponi si registrano 99 positivi (- 23). Nessun decesso.

La situazione in Italia in tempo reale >>>>

A Imola si riattiva pre-triage esterno del Pronto Soccorso
La tensostruttura esterna all’ospedale Santa Maria della Scaletta, dedicata al pre-triage di tutti i pazienti che accedono al Pronto Soccorso, sarà riattivata da lunedì 28 settembre alle 8, come previsto fin dalla sospensione del servizio, ad inizio luglio.

Con l’arrivo dell’autunno e di temperature più fresche, quella che si è rivelata una scelta di precauzione fondamentale per proteggere l’Ospedale dai contagi, riprende le proprie funzioni di garanzia di un ingresso in maggiore sicurezza dei cittadini affetti da sintomi “respiratori”, applicando precocemente le procedure di protezione ed i percorsi separati e definiti.

Si ricorda che tutti i cittadini che si recano in Pronto Soccorso devono accedere alla tensostruttura esterna: l’entrata di Via Belpoggio 1 è infatti interdetta. Chi deve entrare in Ospedale per fruire di prestazioni sanitarie, visitare pazienti ricoverati o perché operatore della struttura, deve accedere dall’atrio centrale di Via Montericco 4.

La tenda del pre triage al Pronto soccorso di Imola

Resta fermo l’invito, per tutti coloro che presentassero sintomi quali febbre, raffreddore, mal di gola, tosse, difficoltà a respirare, assenza del senso del gusto e dell’olfatto, stanchezza diffusa di chiamare prontamente il proprio medico di famiglia che provvederà, se lo valuta clinicamente opportuno, a segnalare il caso alle Unità speciali di continuità assistenziale (Usca), che non hanno mai cessato la propria attività sul territorio e che nelle ultime settimane sono state potenziate per garantire un pronto intervento a domicilio o ambulatoriale, a seconda delle necessità.

Coronavirus, la situazione in regione
Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna sono stati registrati 34.932 casi di positività, 99 in più rispetto a ieri, di cui 54 asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Nessun nuovo decesso.

Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: sul totale dei nuovi casi, 53 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 56 sono stati individuati nell’ambito di focolai già noti.

Sono 16 i nuovi contagi collegati a rientri dall’estero, per i quali la Regione ha previsto due tamponi naso-faringei durante l’isolamento fiduciario se in arrivo da Paesi extra Schengen e un tampone se di rientro da Grecia, Spagna, Croazia e Malta. Il numero di casi di rientro da altre regioni è 3.

L’età media dei nuovi positivi di oggi è 43,9 anni.

Sui 54 asintomatici, 33 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 13 attraverso i test per categorie a rischio introdotti dalla Regione, 5 con gli screening pre-ricovero. Uno è stato individuato tramite test sierologico, mentre per altri 2 non è ancora noto il motivo di esecuzione del tampone.

Per quanto riguarda la situazione nel territorio, il maggior numero di casi si registra nelle province di Bologna (19), Piacenza (12), Parma (13), Modena (19), Ferrara (16).

In provincia di Bologna, su 19 nuovi positivi (12 riconducibili a focolai già noti, 7 invece casi sporadici), 12 hanno manifestato sintomi. Per quanto riguarda i 7 asintomatici, 4 sono stati individuati in seguito ad attività di contact tracing, uno tramite test per categoria, un altro da test effettuato in pre-ricovero; per l’ultimo non è ancora noto il motivo di esecuzione del tampone. Sul totale dei casi, uno è un rientro dall’estero, un altro da regione italiana.

A Parma e provincia sono 13 i nuovi positivi (di cui uno è un rientro dall’estero), 7 riconducibili a focolai e 6 sporadici. Sette i sintomatici; degli asintomatici (6), 3 sono stati rilevati nell’ambito di attività di contact tracing, 2 con test per categoria e uno con test fatto in pre-ricovero.

In provincia di Piacenza, 12 i nuovi positivi: 3 sono rientri dall’estero (due dall’Albania e uno dall’Ucraina); 2 sono contatti di un focolaio pre-esistente, altri 2 sono stati identificati in seguito a tampone per accesso al Pronto soccorso, 2 sono stati “intercettati” dai medici di medicina generale(di cui un caso è collegato a un focolaio pre-esistente); uno ha manifestato sintomi; un altro è stato individuato nel corso di una degenza in una casa di cura privata, un altro ancora in seguito a un approfondimento diagnostico.

Nel modenese, su 19 nuovi positivi (4 sintomatici, 15 asintomatici) 3 sono rientri dall’estero (2 dall’Ucraina, uno dalla Tunisia), 12 sono contatti di casi noti (legati a diversi focolai familiari); uno è un caso emerso da test pre-ricovero, un altro in seguito a screening aziendale. Due, infine, sono casi classificati come sporadici.

In provincia di Ferrara, su 16 positivi, in un caso si tratta di rientro dall’estero (Francia); 14 nuovi contagi sono stati individuati in quanto contatti di casi già noti (di cui 10 riconducibili a focolai familiari, 3 a un focolaio lavorativo); uno, infine, è stato individuato con un tampone eseguito presso l’Ausl di Rovigo prima del rientro nel proprio Paese di origine.

I tamponi effettuati sono 10.107, per un totale di 1.141.530. A questi si aggiungono anche 2.765 test sierologici.

I casi attivi, cioè il numero di malati effettivi, a oggi sono 4.717 (+66 rispetto a ieri).

Le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 4.500 (+56 rispetto a ieri), il 95% dei casi attivi. Cala (-1) il numero dei pazienti in terapia intensiva, che in tutto sono 17. Sono 200 (+11) i ricoverati negli altri reparti Covid.

Le persone complessivamente guarite hanno raggiunto quota 25.734 (+33 rispetto a ieri): 8 “clinicamente guarite” (stabili rispetto a ieri), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione, e 25.726 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi.

Questi i casi di positività sul territorio, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 5.016 a Piacenza (+12, di cui 7 sintomatici), 4.262 a Parma (+13, di cui 7 sintomatici), 5.757 a Reggio Emilia (+5, di cui 3 sintomatici), 4.874 a Modena (+19, di cui 4 sintomatici), 6.224 a Bologna (+19, di cui 12 sintomatici), 576 a Imola (+1, asintomatico), 1.438 a Ferrara (+16, di cui 2 sintomatici),1.775 a Ravenna (+4, di cui 3 sintomatici),1.330 a Forlì (+6, di cui 4 sintomatici), 1.112 a Cesena (+2, di cui 1 sintomatico), 2.568 a Rimini (+2, entrambi sintomatici).