L’assessora Giulia Naldi alle scuole Grandi

Castel San Pietro (Bo). Come preannunciato nelle scorse settimane, sono regolarmente partiti lunedì 28 settembre i servizi di pre e post scuola e le attività integrative pomeridiane organizzate dall’Amministrazione Comunale di Castello, per i bambini iscritti alle scuole del territorio comunale le cui famiglie necessitano di tali servizi per esigenze lavorative. L’organizzazione di questi servizi tiene necessariamente conto delle limitazioni imposte per il contenimento ed il contrasto alla diffusione del Coronavirus negli ambienti scolastici. Pertanto sono strutturati diversamente dagli anni scorsi in termini di spazi, personale educativo, accessi, distanziamenti.

Iniziamo attenendoci alle linee guida della Regione che sono uscite una decina di giorni fa – afferma l’assessore alla Scuola Giulia Naldi -. Grazie alla triangolazione fra l’ufficio scuola comunale, istituti scolastici e Uisp, siamo riusciti a dare un servizio a tutte le famiglie che lo hanno richiesto. Ringrazio tutti gli operatori per la collaborazione che hanno saputo mettere in campo. Nonostante le difficoltà sorte per rispettare le normative anti Covid-19, il sistema regge e, pur con i necessari aggiustamenti, garantisce i servizi alle famiglie”.

In totale nei sette plessi del territorio comunale sono al momento 87 gli iscritti al pre scuola, 120 al post e 49 al servizio di aiuto compiti, e sono in tutto 18 gli educatori Uisp impiegati nei servizi, due in più rispetto ai 16 del precedente anno scolastico.

“In tutti i plessi, i bambini sono divisi in bolle della stessa sezione o classe – racconta Silvia Alvisi della Uisp –. Le attività che possiamo svolgere sono limitate, perché non è possibile la condivisione dei giocattoli, e possiamo utilizzare solo materiale che si può disinfettare ogni volta che si usa, come i pennarelli o le costruzioni (niente peluche, ad esempio), mentre i libri una volta usati si devono tenere in quarantena per una settimana. Rispetto agli anni scorsi, le esigenze delle famiglie sono aumentate, proprio in relazione alla nuova organizzazione con entrate e uscite scaglionate. Comunque siamo riusciti a contenere i costi il più possibile per andare incontro alle famiglie, nonostante si debba utilizzare personale in più, fornire il gel per la sanificazione delle mani, le mascherine FFP2 per gli educatori e i presidi necessari per le pulizie”.

Entrando nel dettaglio, vista l’organizzazione con entrate scaglionate delle classi fra le 7,15 e le 8,30, il pre-scuola nelle scuole materne quest’anno viene gestito direttamente dalle maestre dei plessi scolastici, mentre vengono tenuti dalla Polisportiva UISP il pre scuola delle primarie e i servizi pomeridiani che in tutte le scuole si svolgono dalle 16,15-16,30 fino alle 18.

Alle scuole materne, sono iscritti al servizio post scuola una quarantina di bambini della scuola Grandi di Osteria Grande, una ventina quelli alla Ercolani e una decina (ma sono in arrivo altre iscrizioni) i bambini della Rodari, che fanno il post scuola nella adiacente Ludoteca.

Per quanto riguarda le primarie, alla Serotti di Osteria sono circa 36 gli alunni che fanno il pre e 25 il post, in più per la prima volta il martedì e venerdì la Uisp gestisce alla Serotti anche l’attività di aiuto compiti molto richiesta dai genitori, alla quale per ora sono iscritti 5 bambini. A Castello alla primaria Sassatelli al pre sono in 35 circa e al post in una trentina, mentre alla scuola Albertazzi, dove il pre-scuola da anni non viene richiesto dalle famiglie, viene fornita invece l’assistenza per la mensa a una ventina di ragazzi il martedì, giovedì e venerdì fino alle 14,30 e poi l’assistenza ai compiti a una decina fino alle 16. Infine alla Don Milani di Poggio sono 16 gli iscritti al pre-scuola e 24 all’aiuto compiti del mercoledì e venerdi.