Da sinistra, Carmen Cappello e Dino Bufi

Penso sia giusto e corretto che altri cittadini facciano un’esperienza nelle istituzioni e ci saranno probabilmente nuove rotazioni nei prossimi anni. Saremo dei controllori, porteremo avanti un’opposizione seria, dura e costruttiva”.

Bufi, 51 anni una moglie e due figli funzionario dell’Inps per la sicurezza sul lavoro, conferma che “faremo un’opposizione dura. Abbiamo una squadra che rimane, crediamo nel nostro progetto civico e il patrimonio di 2700 voti non deve assolutamente andare disperso”.

Alla domanda se il risultato riportato dalle due liste, poco al di sopra del 7%, non sia considerato negativo quando in certi momenti si sperava perfino nel ballottaggio, la Cappello risponde: “Quando si parte per una competizione lo si fa sempre con entusiasmo e partecipazione. Sì, un po’ di delusione c’è, ma siamo rimasti stritolati dalla lotta ideologica fra destra e sinistra. Mi auguro che in futuro ci sia maggiore disponibilità a recepire le idee degli altri. Comunque, rimango in politica e non sparirò dalla vita sociale della mia città”.

(m.m.)