Imola. “Condividere un momento di riflessione insieme sulla città”. E’ con questo spirito che il sindaco Marco Panieri ha invitato Carmen Cappello, Andrea Longhi, Daniele Marchetti e Ezio Roi, ovvero gli altri quattro candidati sindaco alle ultime elezioni del 20 e 21 settembre scorso, ad un incontro in municipio, in programma lunedì 5 ottobre, alle 14,30.

“Sulla base dei toni pacati della campagna elettorale, incentrata soprattutto su un confronto legato ai contenuti e convinto della necessità di un dialogo che metta in primo piano il futuro della città, ho pensato di invitare gli ex candidati sindaco ad un incontro che vede al centro alcune sfide che attendono la nostra comunità” spiega il sindaco Panieri.

“Sarà l’occasione per un aggiornamento sulle prospettive della città e anche per raccogliere le sollecitazioni, sui punti salienti, che provengono dalle opposizioni, anche in vista della predisposizione delle linee di mandato e della convocazione del nuovo consiglio comunale, in un’ottica di apertura alle loro istanze” aggiunge Panieri, che conclude “come sindaco della città, il mio intento è quello di essere il sindaco di tutte le cittadine ed i cittadini, sia di chi mi ha votato sia di chi non lo ha fatto, guardando insieme al bene comune”.

Ma c’è già qualcuno che non ha gradito l’invito a condividere idee e progetti per la città. Il candidato del centrodestra Daniele Marchetti, in una nota, sottolinea: “Per quanto mi riguarda ritengo opportuno declinare l’invito, in quanto il confronto sul futuro della nostra città, a mio avviso si dovrebbe sviluppare in consiglio comunale, dove siedono i rappresentanti eletti dai cittadini. Le istituzioni, espressione massima della democrazia, non devono essere calpestate. Avremo sicuramente modo di confrontarci, ma nelle sedi opportune”.

Carmen Cappello, che ha appena rinunciato al suo seggio a favore di Dino Bufi, invece accetta “volentieri l’invito che avrei proposto anch’io se fossi diventata sindaca. Auspico che sia un confronto concreto, costruttivo e non di mera facciata”