Imola. Una truffa bella e buona che stava dando ottimi risultati sui social più seguiti. Una coppia di persone sposate, sui 30 anni, entrambi incensurati, acquistava online abiti di marca falsi, che poi rivendevano su un gruppo privato creato su Facebook, dove pubblicavano anche le foto dei vestiti che loro stessi indossavano, improvvisandosi modelli. Ovviamente le marche, tutte false, parevano di grande prestigio e spaziavano da Rolex, Louis Vuitton, Prada, Chanel, Armani, Gucci, Michael Kors, Adidas, Nike, Hermes, Colmar e Burberry.

Una trovata geniale, funzionava alla perfezione, per i due coniugi che riuscivano ad accumulare denaro in buona quantità a loro necessario visto che, in precedenza, non se la passavano per niente bene economicamente.

Le vendite false on line sono state scoperte dalla Guardia di Finanza di Bologna che nel loro appartamento ha sequestrato un centinaio di capi di abbigliamento e accessori.
L’indagine delle Fiamme Gialle è stata avviata un paio di mesi fa, nel corso di attività di controllo del territorio provinciale per contrastare la contraffazione con verifiche anche sui social network. I militari hanno scoperto l’esistenza del gruppo privato, che contava circa 500 iscritti e dove la coppia pubblicava periodicamente le foto dei capi in vendita. Dopo che, qualche giorno fa, un cliente era stato rassicurato sul fatto che presto sarebbe arrivata nuova merce, i militari hanno avviato appostamenti sotto casa dei coniugi, notando il momento in cui un corriere ha consegnato un pacco voluminoso.
Gli agenti delle Fiamme Giualle non aspettavano altro e hanno subito cominciato la perquisizione nell’appartamento della coppia che ha portato al sequestro della merce, oltre che di un bollettario con annotazioni relative alle vendite, e alla denuncia dei coniugi.