Il vicesindaco Fabrizio Castellari con la figlia

Imola. Anche il vicesindaco Fabrizio Castellari, insieme a tutta la famiglia, si è sottoposto al test sierologico rapido, che la Regione Emilia Romagna ha attivato nelle farmacie. Da lunedì 19 ottobre, infatti, la Regione ha reso operativo lo screening su base volontaria, con test sierologici rapidi e gratuiti per l’utente, eseguiti in farmacia, per la ricerca degli anticorpi anti SARS-CoV-2. L’utilizzo di test sierologici rapidi, effettuati quindi su campioni di sangue capillare (pungidito), permette di identificare se le persone sono entrate in contatto con il virus.

Lo screening sierologico in farmacia è gratuito e si rivolge a: genitori (anche non conviventi) dei bambini e degli alunni/studenti (0-18 anni e maggiorenni che frequentano la scuola secondaria superiore); alunni/studenti, loro fratelli e sorelle, nonni anche non conviventi, nonché ulteriori familiari conviventi previo consenso dei genitori/tutori/soggetti affidatari dei minori; studenti universitari col medico curante in Regione.

I cittadini che rientrano nel target sopra indicato possono accedere al servizio offerto solo nel caso abbiano l’assistenza sanitaria in Regione con scelta del medico di medicina generale o del pediatra di libera scelta.

“Il tracciamento tempestivo dei contagi è una grande misura di prevenzione e di contrasto alla diffusione del Covid-19. Molto bene ha fatto, quindi, la Regione a mettere a disposizione di studenti e famiglie questa opportunità. Nella nostra famiglia l’abbiamo fatto tutti e rivolgo l’invito a tutte le famiglie perché utilizzino questa opportunità”, racconta Castellari.