Imola. “Per come è scritto il nuovo DPCM anti Covid varato dal Governo Conte non sembrerebbero esserci spazi di manovra dal momento che sono stati vietati al pubblico tutti gli eventi sportivi, ma non possiamo fare una figuraccia a livello internazionale”. Così Daniele Marchetti, consigliere regionale e comunale della Lega, critica la decisione assunta dal Governo ma chiama in causa anche la Regione e la Giunta Bonaccini a cui è richiesto ora un impegno straordinario per consentire la presenza di pubblico all’evento in programma sul circuito di Imola nel week end tra il 30 ottobre e il primo novembre prossimi.

“Bisogna mobilitarsi, nonostante il muro contro muro scelto dal Governo contro le Regioni, per ottenere una deroga – sottolinea Marchetti – dal momento che si tratta di un evento all’aperto e che si sviluppa sulla base di un tracciato lungo di cinque chilometri. Dal punto di vista della sicurezza poi – spiega il consigliere del Carroccio – non servirebbe nemmeno una riduzione ulteriore degli ingressi previsti e ridotti dal momento che si parla di 13mila biglietti al giorno per seguire la manifestazione e al momento non sono stati venduti ancora tutti, mentre l’impianto è nato per contenere 200mila persone. Dal punto di vista del distanziamento sociale ci sono le condizioni perchè l’evento tanto atteso, a Imola e in Italia, possa essere confermato”.