Imola. Presente e futuro dell’industria ceramica tra tecnologie digitali, rispetto dell’ambiente e della qualità del lavoro. Se ne parla in Sacmi in occasione di Ceramic Innovation Forum 2020, il primo live event mondiale che chiama a raccolta, il 9 e 10 novembre, i massimi esperti del settore, insieme al team tecnico dell’azienda numero uno al mondo nelle forniture di macchine e impianti per l’industria del tiles.

Sempre più vicino alla “fabbrica a luci spente” – dove uomini e macchine interagiscono attraverso sensori avanzati e reti ad alta capacità di dati – l’industria ceramica si è evoluta negli ultimi anni in tutti gli aspetti, dalla lavorazione delle materie prime alla logistica, dalle tecnologie per la pressatura alle soluzioni per abbattere in modo decisivo consumi di energia ed emissioni.

Di questo si parla nelle due giornate che saranno trasmesse in diretta internazionale a partire dalle ore 10, con replica alle 15.30. Per Sacmi, leader globale nelle tecnologie per il settore, un’occasione per riaffermare il principio di partnership con i propri clienti in tutto il mondo, facendo da apripista per ulteriori novità che, nei prossimi anni, cambieranno ancora il modo di produrre e pensare la ceramica all’interno di un contesto più vasto di edilizia sostenibile e di qualità.

Essenziale nell’impostazione dell’evento – il primo di una serie di webinar dedicati a fasi e tecnologie specifiche del processo ceramico – l’utilizzo di una nuova piattaforma di comunicazione digitale, che mette al centro l’interattività con l’utente-stakeholder. Una logica che, da anni, Sacmi applica anche sul fronte del servizio, attraverso una rete globale di assistenza capace di affiancare il cliente anche da remoto, per tutte le fasi della progettazione, avviamento e gestione dell’impianto.