Bologna (Aggiornamento ore 12 del 3 novembre). Ora a preoccupare seriamente sono le terapie intensive. Nelle ultime 24 ore si segnalano altri 203 ricoverati che portano il totale a 2.225. I casi di positività sono 28.244 (+ 5.991 rispetto a ieri) con 182,287 tamponi (+ 46.556). I decessi sono 353 (+120), 39.412 in totale. I casi totali dall’inizio della pandemia sono 759.829. I ricoverati con sintomi sono 21.114 (+ 1.274). Gli attuali positivi sono 418.142 (+ 21.630), i guariti odierni sono 6.258 (+ 2.621) per un totale di 302.275. In Emilia Romagna si segnalano 23 decessi (+ 5), i casi positivi sono 1.912 (+ 260) con 23.700 tamponi (+ 13.400). A Imola i nuovi casi sono 45 (+ 22) con 347 tamponi (+ 44).

In Lombardia nelle ultime 24 ore i casi sono 6.804 (+ 1.526), seguono il Piemonte 3.179 (+ 1.176), la Campania 2.971 (+ 110), Toscana 2.336 (+ 327), Veneto 2.298 (+ 754), Lazio 2.209 (+ 350). Sopra ai mille contagiati anche Sicilia, Liguria e Puglia. Il Molise resta la regione con meno positivi: 93 (- 8).

La situazione di ieri >>>>

La situazione in Italia in tempo reale >>>>

La situazione nell’Ausl di Imola

Su 347 tamponi refertati ieri, sono 45 i casi positivi riscontrati nel Circondario Imolese (33 ad Imola, 5 a Castel San Pietro Terme, 3 a Casalfiumanese, 2 Medicina e 2 a Mordano). 29 sono i sintomatici, mentre 16 non mostrano sintomi. 15 le persone che erano già in isolamento al momento del tampone, 3 quelle collegabili a focolai già accertati. 11 positività sono state riscontrate tramite attività di contact tracing, 2 con screening regionale per categoria, 1 con test pre-ricovero. Sono 21 i ricoveri al S. Maria della Scaletta, mentre le persone diagnosticate dalla nostra Azienda ma centralizzate in terapia intensiva a Bologna restano 4. Sono 11 le persone guarite oggi. 1161 i casi totali da avvio epidemia e 519 quelli attivi.

Tra il 30 ottobre ed il 2 novembre sono stati 22 i casi di positività registrati dall’Ausl di Imola che hanno riguardato persone che frequentavano l’ambito scolastico (19 studenti e 3 docenti).

La situazione in regione

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 61.158 casi di positività, 1.912 in più rispetto a ieri, su un totale di 23.700 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è oggi dell’8%, dimezzata dal 16% di ieri.

Dei nuovi contagiati, 961 sono gli asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali.

Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: complessivamente, tra i nuovi positivi 397 persone erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone e 374 sono state individuate nell’ambito di focolai già noti.

L’età media dei nuovi positivi di oggi è 43,3 anni.

Sui 961 asintomatici, 489 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing,67attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 5per screening sierologico, 10 con i test pre-ricovero. Per 390 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica.

La situazione dei contagi nelle province vede Modena con 569 nuovi casi, poi Reggio Emilia (280), Bologna (214), Ravenna (141), Ferrara (137), Piacenza (131), Rimini (122), Forlì (107), Parma (100), Cesena (66) e Imola con 45 casi di positività.

I tamponi effettuati sono stati 23.700, per un totale di 1.635.729. A questi si aggiungono anche 3.634 test sierologici.

I casi attivi, cioè il numero di malati effettivi, a oggi sono 28.348 (1.859 in più di ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 26.731 (+ 1.762 rispetto a ieri), il 94,7% dei casi attivi.

Purtroppo, si registrano 23 nuovi decessi: 6 in provincia di Modena (3 donne di 70, 80 e 92 anni e 3 uomini di 76, 77 e 84), 5 in provincia di Bologna (3 uomini di 69, 76 e 83 anni e 2 donne di 90 e 100 anni), 4 in provincia di Parma (3 uomini di 78, 80, 83 anni e una donna di 87 anni), 4 in provincia di Ferrara (3 donne di 85, 94, 96 anni e un uomo di 75 anni); 3 in provincia di Reggio Emilia (3 uomini, rispettivamente di 82, 87 e 88 anni) e 1 in provincia di Ravenna (un uomo di 85 anni). Non si registrano decessi nelle province di Piacenza, Forlì-Cesena e Rimini. Dall’inizio dell’epidemia i morti complessivi in Emilia-Romagna sono 4.687.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 153 (+15 rispetto a ieri), 1.464 quelli in altri reparti Covid (+82).

Sul territorio, le 153 persone ricoverate in terapia intensiva sono così distribuite: 9 a Piacenza (numero invariato rispetto a ieri), 14 a Parma (+2 rispetto a ieri), 11 a Reggio Emilia (+3 rispetto a ieri), 29 a Modena (+1), 55 a Bologna (+10), 4 a Imola (invariato rispetto a ieri), 8 a Ferrara (invariato), 6 a Ravenna (invariato), 3 a Forlì (-2 rispetto a ieri), 2 a Cesena (- 2 rispetto a ieri) e 12 a Rimini (+3 rispetto a ieri).

Le persone complessivamente guarite salgono a 28.123 (+ 30 rispetto a ieri).

Questi i casi di positività sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella i cui è stata fatta la diagnosi: 7.453 a Piacenza (+131 rispetto a ieri, di cui 26 sintomatici), 6.097 a Parma (+100 di cui 68 sintomatici), 9.511 a Reggio Emilia (+280, di cui 237 sintomatici), 9.290 a Modena (+569 di cui 293 sintomatici), 11.883 a Bologna (+214, di cui 24 sintomatici),1.161 casi a Imola (+45, di cui 29 sintomatici), 2.896 a Ferrara (+137 , di cui 42 sintomatici), 3.367 a Ravenna (+141, di cui 65 sintomatici), 2.606 a Forlì (+107 di cui 91 sintomatici),1.955 a Cesena (+66, di cui 47 sintomatici) e 4.939 a Rimini (+122, di cui 29 sintomatici).