Medicina. I carabinieri hanno rintracciato gli autori di un furto di canapa sativa che di recente era stata rubata nel terreno di un’azienda agricola situata in zona. La scoperta è avvenuta l’11 novembre pomeriggio, durante i servizi di controllo del territorio che i militari stavano svolgendo in piazza Nazario Sauro, con particolare riferimento alle “Misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale” per verificare il rispetto dei provvedimenti anti Covid-19 da parte dei cittadini.

Transitando per la piazza, i militari dell’Arma hanno trovato due giovani in possesso di sostanze stupefacenti, hashish e marijuana. Nonostante il modesto quantitativo di droga rinvenuto, 4 grammi circa, l’attenzione dei militari si è focalizzata sul tipo di marijuana, simile a quella rubata a un’azienda agricola che la stava coltivando legalmente.

Le ipotesi dei militari sono state confermate da altri approfondimenti investigativi che hanno portato all’identificazione di tre giovani, due maggiorenni e un minorenne, responsabili di furto aggravato in concorso, per aver scavalcato la recinzione dell’azienda agricola e rubato le piantine di canapa al fine coltivarla abusivamente in casa mediante attrezzi agricoli per uso domestico acquistati privatamente, come la serra, le lampade e le ventole per l’areazione dei locali.

La sostanza stupefacente rinvenuta a casa dei due maggiorenni sottoposti a perquisizione domiciliare è stata sequestrata e affidata ai tecnici di laboratorio del Comando Provinciale Carabinieri di Bologna.