Il vicesindaco di Imola Fabrizio Castellari

Imola. Avanti con la gestione associata, all’interno del Circondario, del servizio ragioneria e servizio tributi e della Polizia municipale del Comune di Imola. La scelta di campo dell’Amministrazione comunale è contenuta nella delibera che la giunta comunale porterà all’esame del consiglio comunale di giovedì prossimo, dopo l’illustrazione nella Commissione bilancio, in programma martedì 17 novembre.

La giunta ha infatti stabilito di confermare la permanenza del Comune di Imola all’interno delle gestioni associate per quanto riguarda il servizio finanziario, economato, controllo di gestione e del servizio tributi nonché delle funzioni di Polizia municipale e Polizia amministrativa locale.

Nel contempo, l’Amministrazione comunale sottolinea l’importanza di consolidare quel proficuo percorso di confronto con i Comuni aderenti al Nuovo Circondario Imolese, ripreso con forza all’indomani della propria elezione, sull’attuale assetto delle gestioni associate nel loro complesso, verso la loro migliore organizzazione.

Castellari: “Un passo in avanti nella direzione della gestione associata” –  “E’ una delibera che fa chiarezza e che segna un passo in avanti nella direzione della gestione associata di due servizi fondamentali. Per quanto riguarda i servizi economico finanziari e dei tributi, superando un atto del 2019 che apriva alla possibilità del recesso. Mentre per quanto attiene al servizio di polizia locale, la delibera ribadisce l’indicazione di camminare insieme agli altri Comuni del Circondario, in forma associata, in questo caso precisando i termini di altri atti pregressi”, spiega Fabrizio Castellari, vicesindaco con delega a Bilancio e Polizia Locale.

Rispetto al confronto con gli altri Comuni del Circondario, Castellari sottolinea: “Un territorio che cammina insieme va più lontano. Ecco perché su questi, come su altri aspetti, l’Amministrazione comunale vuole avviare un percorso di confronto e di riflessione condivisi con gli altri Comuni e lascia spazio a spunti di riflessione contenuti in precedenti atti, introducendo un punto di chiarezza: che un territorio è tanto più forte quanto più è coeso. E la strada che Imola propone è quella di consolidare sempre più tutte le gestioni associate dei servizi già attivate, perché insieme si realizzano progetti migliori e si possono anche intercettare più risorse dagli enti sovraordinari. Già oggi, infatti, in diverse forme di finanziamento sovracomunali viene premiato il fatto che i Comuni si presentino insieme”.

“Una valutazione meramente economica e organizzativa, limitata al solo Comune di Imola, poteva portare nell’immediato ad approdi diversi e forse questo è il principio che ha animato le delibere e gli atti che sono stati presi in passato” afferma Castellari, che però ribadisce con chiarezza il punto fermo alla base della delibera presentata dalla giunta “noi pensiamo che il territorio imolese nella sua dimensione globale sia un valore aggiunto che nel tempo restituirà migliore organizzazione, più risparmi e più risorse a disposizione di tutti i cittadini”. Ecco quindi il valore di questa delibera, che il vicesindaco in conclusione sintetizza così: “Superiamo gli atti pregressi, raccogliendo gli spunti che possono essere utili, facendo nel contempo un passo in avanti nella chiarezza su due materie molto importanti per la gestione dei Comuni”.