Imola. Dal 28 novembre si accendono nuovamente le luci del Natale, per salutare e illuminare le prossime festività. Due i momenti caratterizzanti dell’accensione, che causa l’emergenza Covid-19 non sarà aperta al pubblico, ma avverrà alla presenza solo delle autorità, delle associazioni di categoria e degli sponsor.

Si comincia alle 17 con la benedizione del presepe, che torna ad essere allestito in piazza Caduti per la Libertà, impartita dal vescovo Giovanni Mosciatti. Poi il trasferimento in piazza Matteotti, per l’accensione dell’albero, che darà simbolicamente il via all’accensione delle luminarie in città. Proprio oggi è stato installato l’albero di Natale ed è stato allestito il presepe.

“Il momento che stiamo attraversando è difficile, inutile negarlo: gli eventi sono sospesi o a distanza, le restrizioni in atto sono importanti, a tutti vengono richiesti sacrifici per il bene collettivo. Per questo l’Amministrazione comunale ha voluto contribuire direttamente, insieme a un gruppo numeroso di sostenitori, alla realizzazione delle luminarie e dell’albero di Natale in piazza Matteotti – fa sapere il sindaco Marco Panieri -. Un gesto simbolico che vuole dire: insieme ce la possiamo fare. Guardiamo il futuro con fiducia, con l’augurio che l’Anno Nuovo porti pace e serenità a tutte le nostre famiglie”.

“Quest’anno, infatti, visto il delicato momento anche economico, non si è voluto richiedere il contributo che in passato veniva chiesto alle attività economiche del centro storico e il Comune si è attivamente impegnato per coprire direttamente una parte importante del costo insieme alle quattro associazioni del commercio e artigianato, che da sempre hanno contribuito alle spese, alle quali quest’anno per la prima volta si sono aggiunte anche la gran parte delle altre associazioni di categoria, a testimoniare lo spirito di coesione che anima la nostra comunità”, sottolineano Giacomo Gambi, assessore alla Cultura, e Pierangelo Raffini, assessore alle Attività produttive e al Centro storico, che insieme hanno coordinato il lavoro di squadra che ha coinvolto gli uffici comunali, la Pro Loco e le associazioni di settore, nell’ambito di una preziosa collaborazione.

Pertanto, quest’anno la città si illumina grazie a: Comune, Alleanza delle Cooperative, Banca di Imola, BCC ravennate forlivese & imolese, Fondazione Cassa di Risparmio di Imola, Cna Imola, Coldiretti, Confagricoltura, Confartigianato, Confcommercio, Confesercenti, Confindustria delegazione imolese, Gruppo Hera, IF, Pro Loco Imola.

Inoltre, vista la possibilità che le normative in vigore per il contrasto alla pandemia nelle prossime settimane possano cambiare, con conseguenti ricadute sul programma delle iniziative natalizie, quest’anno il calendario degli appuntamenti non verrà raccolto in una pubblicazione cartacea, ma sarà disponibile solo digitalmente, in modo da poter accogliere in tempo reale, e senza spreco di carta, le eventuali modifiche.

Le novità – Le novità di quest’anno sono rappresentate dal ritorno del presepe in piazza Caduti per la Libertà (prima era in piazza Matteotti) e dalla posizione dell’albero di Natale, che è stato posto quasi al centro di piazza Matteotti (in precedenza era nello spigolo della piazza, all’intersezione fra la via Emilia e il  portico Sersanti). Alto 11,5 metri, con un diametro di 3 metri, l’albero è in alluminio, con le luci a led, a basso consumo ed a bassa tensione, quindi non pericolose neanche al tatto. Come detto, è stato montato quasi al centro della piazza. “Una scelta per valorizzare piazza Matteotti nella sua interezza e accendere una luce di speranza sul futuro. La soluzione è stata condivisa con gli operatori del mercato ambulante e con le associazioni del settore, che ringrazio per la disponibilità”, conclude il sindaco.