Faenza. Sulla scia del successo degli ultimi 5 anni, Ente Ceramica Faenza organizza un temporary shop della Ceramica, il negozio provvisorio di ceramica faentina in occasione del Natale 2020, appuntamento ormai consolidato del calendario degli eventi faentini legati alla ceramica.

Quest’anno il negozio sarà aperto per tutte le festività natalizie (nel pieno rispetto delle direttive relative all’emergenza sanitaria in corso): dal 28 novembre 2020 al 6 gennaio 2021 saranno 25 i ceramisti all’interno dello spazio in via Pistocchi 16 (ex negozio Gigacer Lab, con vetrine e accesso anche su piazza Nenni) che rappresenteranno collettivamente l’identità ceramica faentina, un’identità che prescinde da quella dei singoli artigiani, artisti e botteghe.

Accanto all’importante momento commerciale, il progetto promosso e organizzato da Ente Ceramica, insieme al Comune di Faenza, intende sottolineare proprio l’aspetto della “squadra”, dell’identità plurale dei ceramisti faentini che si presentano insieme, con la loro produzione, nel cuore della città. Questo gesto collettivo ha un valore ancora più forte quest’anno, a causa dell’emergenza sanitaria che stiamo vivendo: il Comune di Faenza, Ente Ceramica Faenza e i ceramisti vogliono essere presenti, insieme, per dare un segnale importante che parla di bellezza, cultura e identità, anche se sembrano temi in questo momento lontani dalle necessità quotidiane dei cittadini.

L’apertura del temporary shop rientra nella programmazione di “Buon Natale Ceramica“, a cura di AiCC (Associazione italiana Città della Ceramica), con eventi a tema durante il periodo natalizio.

Gli artisti

Ceramica artistica e artigianale di qualità, tra tradizione e contemporaneità, con tante idee per un regalo o un pensiero creativo, unico, fatto a mano a Faenza. Tra gli artisti presenti all’interno dello spazio natalizio, troviamo: Fosca Boggi, Federica Bubani, Ceramica Gatti 1928, Elvira Keller, Etra Masi, Andrea Kotliarsky, Paola Laghi, Carla Lega Ceramiche d’Arte, Mabilab di Ivana Anconelli, Maestri Maiolicari Faentini di Lea Emiliani, Manifatture Sottosasso, Antonietta Mazzotti, Marta Monduzzi, Ceramica Monti di Vittoria Monti, Morena Moretti, Mirta Morigi Ceramica Contemporanea, Monica Ortelli, Fiorenza Pancino, Ifigenia Papadopulu, Liliana Ricciardelli, Studiocasalaboratorio di Maurizio Russo, Studio d’Arte Amaretti, Susanna Vassura, Laura Silvagni ‘La Vecchia Faenza’, 6243 Ceramic Studio di Lia Cavassi.

Come nel 2019, partner del progetto è l’Istituto professionale “Persolino-Strocchi” di Faenza: in vendita al temporary shop anche i vini della cantina del “Persolino” e prodotti d’erboristeria e di cosmesi, che i ragazzi realizzano nell’ambito dell’attività didattica. Un’occasione preziosa per mettere in mostra e valorizzare le eccellenze di questa scuola e per costruire un rapporto sempre più sinergico e collaborativo con il territorio, inserendosi con la propria progettualità e i propri prodotti nel tessuto produttivo, sociale e culturale della città.

L’allestimento del negozio è stato curato da Oscar Dominguez, mentre il progetto delle vetrine è stato ideato da Atelier Be, realtà di promozione e produzione in ambito artistico-culturale, che offre progettazione, comunicazione e allestimento con lo scopo di incentivare iniziative, eventi, esposizioni che promuovano creatività e capacità.

(Annalaura Matatia)