Un bidello che pulisce una scuola
(concorsipubblici.net)

“Beh, il lavoro che faccio da ormai parecchi anni è notevolmente aumentato ed è difficile rispettare alla lettera i protocolli antiCoronavirus. Per non infettarsi, oggi ci vuole anche un po’ di fortuna anche se io cerco di stare molto attento e rispetto ogni regola”. Un collaboratore scolastico, quello che molti chiamano ancora bidello che lavora in una scuola del circondario (lo conosciamo ma ci ha chiesto di mantenere l’anonimato, ndr), racconta la sua difficile esperienza degli ultimi mesi, ovvero dalla ripresa delle lezioni verificatasi a metà settembre fino ad ora, poco prima delle vacanze natalizie.

“Nell’istituto comprensivo dove lavoro, hanno chiuso per un po’ di tempo una scuola perché sono stati trovati positivi al Covid alcuni insegnanti. Questa iniziativa è stata più che giusta. Ma purtroppo i bidelli sono stati mandati a lavorare in un altro plesso lo stesso e il tampone glielo hanno fatto solamente quattro-cinque dopo – continua il bidello -. Anche in questo caso, c’è stata una forte percentuale di rischio perché se i miei colleghi fossero stati positivi avrebbero potuto infettare altre persone. Non voglio assolutamente puntare il dito contro nessuno, il dirigente scolastico ha rispettato il protocollo, preferisco pensare che a livello sanitario si siano registrati alcuni ritardi dovuti alle difficoltà provocate dalla pandemia che sta mettendo a dura prova anche il nostro territorio. Io non sono un medico e non voglio dare giudizi, però a mio parere ai miei colleghi dovevano fare un tampone subito dopo i casi verificatisi ed essere messi per un periodo in quarantena fino al secondo tampone”.

“Successivamente, miei colleghi mi hanno riferito che nel loro istituto sono stati trovati alcuni alunni postiti al Coronavirus e c’è stata la puntuale chiusura. I bidelli subito non presentavano sintomi, ma pochi giorni dopo sono stati mandati a lavorare in un’altra scuola. Così, è un po’ come un terno al lotto anzi, meglio, è come essere in trincea”.

(m.m.)