Imola. Si intitola “Liberi di scegliere” l’appuntamento promosso dal Comune a conclusione di “A ruota Libera”, il Festival della cultura antimafia e slot-free del Circondario, diffuso e itinerante nei suoi dieci comuni.

L’iniziativa si svolgerà sabato 5 dicembre, dalle 10 alle 12 con un webinar che vedrà la partecipazione di Enza Rando (vicepresidente nazionale dell’associazione Libera) e di Roberto Di Bella (già Presidente del Tribunale minorile di Reggio Calabria ed ora a Catania), insieme con cinque classi delle scuole superiori coinvolte nell’iniziativa.

Il titolo dell’iniziativa riprende il progetto “Liberi di scegliere”, basato sul protocollo di intesa tra Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio, Tribunale per i Minorenni, Procura per i Minorenni e Procura Distrettuale di Reggio Calabria, Procura Nazionale Antimafia e Libera e sostenuto dalla Conferenza Episcopale Italiana che si propone di aiutare e accogliere donne e minori che vogliono uscire dal circuito mafioso e promuovere una rete di protezione e di sostegno per tutelare e assicurare una concreta alternativa di vita ai minori e alle loro madri, provenienti da famiglie mafiose. I cittadini potranno seguire l’appuntamento direttamente sulla pagina Facebook del Comune e su quella della Bim.

Gambi: “Costruire una cultura della legalità sempre più diffusa” – “Sono particolarmente lieto di ospitare, anche se solo in modalità streaming, l’ultimo appuntamento del Festival ‘A ruota Libera’, perché il tema è assolutamente centrale e i relatori fra le personalità più indicate per parlarne. Oggi siamo tutti sempre più consapevoli che per sconfiggere le mafie sia necessario, a fianco della preziosa e indispensabile attività investigativa e repressiva della magistratura e delle forze dell’ordine, anche lo sforzo di tutta la società civile, per costruire una cultura della legalità sempre più diffusa, partendo proprio dal coinvolgimento e dal protagonismo delle nuove generazioni” sottolinea Giacomo Gambi, assessore alla Cultura e alla Legalità del Comune.

“A ruota Libera  rappresenta un grandissimo lavoro sinergico del territorio del Circondario. Tanti eventi per i grandi e piccini per ritrovarsi all’insegna della Cultura della Legalità. L’emergenza Covid – 19 ha posto la necessità di riprogrammare le attività in seno ai due tavoli circondariali che ho il grande piacere di coordinare quello delle politiche giovanili e quello della legalità. Da un lavoro condiviso dei dieci assessori dei due tavoli è emersa la volontà di proseguire insieme questo cammino ripensando ad attività da svolgere in conformità alle indicazioni del periodo, con la preziosa collaborazione dell’Associazione Libera e di Officina Immaginata” commenta Beatrice Poli, sindaca di Casalfiumanese e  coordinatrice del tavolo legalità e politiche giovanili del Nuovo Circondario Imolese.

Da parte sua, Elisabetta Marchetti, referente del presidio di Libera del Circondario Imolese ‘Alberto Giacomelli’ fa sapere che “fin dalla sua costituzione, il presidio imolese di Libera, oltre che realizzare una biblioteca della legalità, si è concentrato su due tematiche fondamentali per far vivere una cultura della legalità e della cittadinanza attiva nei nostri territori: le attività formative rivolte ai giovani (nelle scuole e tramite i Campi Estate Liberi) e le iniziative di prevenzione al gioco d’azzardo patologico”.