Imola. Un padre 46enne, vedovo, è stato condannato, in primo grado, a 6 anni e 4 mesi per violenza sessuale. L’uomo, durante i pigiama party organizzati dalla figlia dodicenne con le amiche, induceva le piccole adolescenti a fare insieme quelli che chiamava in modo truffaldino “brindisi dell’amicizia”. Ma, credendosi furbo, immetteva precedentemente nei bicchieri  quantità di sonniferi proibiti a giovani di quell’età. Così quando le ragazzine dormivano, o erano confuse e stavano per cadere nel sonno, si muoveva sessualmente nei loro confronti.

Sono diversi gli episodi accaduti nei mesi scorsi. A volte, le ragazzine che non si erano addormentate reagivano e chiamavano al cellulare i genitori affinché le venissero a prendere per trascorrere la notte lontano da quell’uomo che consideravano pericoloso.

L’inchiesta è nata dopo che una bambina aveva raccontato quello che accadeva durante quelle notti ai genitori che, a loro volte, hanno avvisato la polizia che ha condotto le indagini sentendo diverse “vittime” delle attenzioni sessuali assolutamente riprovevoli da parte del 46enne.