Pur in una situazione di forte crisi nata nel circondario nell’attuale seconda ondata della pandemia con molti contagiati e morti nelle residenze per anziani e negli ospedali, tanto che è appena stata costituita un’unità di crisi alla Cra di via Venturini che resta la più colpita, agli operatori va il sostegno dei dieci Comuni del territorio imolese.

“Carissimi, in questo anno difficile siete stati una barriera fondamentale contro il virus a tutela di tutta la nostra comunità e in particolare delle persone più deboli e anziane”. Comincia così la lettera di auguri che i sindaci dei dieci Comuni del Nuovo Circondario Imolese hanno inviato a tutte le realtà, pubbliche e private, ed a tutti i dipendenti del settore socio-sanitario.

La lettera prosegue sottolineando che “siamo consapevoli che per molti di voi le prossime festività saranno comunque giorni lavorativi, ancora una volta a servizio di chi ha bisogno”.E si sofferma anche sull’impegno dei sindaci per essere ancora più vicini agli operatori: “Abbiamo provato il più possibile d’esservi vicino. Spesso non ci siamo riusciti al meglio, ma vi assicuriamo il nostro massimo impegno anche per i prossimi mesi”. Infine,i sindaci formulano “con stima e riconoscenza” i propri auguri, anche a nome di tutti i cittadini del Circondario Imolese per “un buon Natale e un 2021 davvero diverso”.