Imola. Circa 460mila euro investiti dal Comune per la manutenzione straordinaria delle strade e per il ripristino di movimenti franosi. A tanto ammontano gli interventi deliberati nelle scorse settimane, con diversi atti, dall’Amministrazione comunale. “L’obiettivo è chiaro e manifestato già per altre iniziative che abbiamo messo in campo in questi pochi mesi – spiega Pierangelo Raffini, assessore ai Lavori pubblici del Comune –: riprendere la necessaria manutenzione della città, in tutti i suoi aspetti, per renderla sempre più sicura, funzionale e fruibile. In questo caso parliamo delle strade, con lavori di ripristino e messa in sicurezza delle asfaltature, che prenderanno il via indicativamente da metà febbraio, meteo permettendo, per una migliore efficacia dell’intervento, mentre sulla parte franosa in via dei Colli e su via Lola agiremo immediatamente”.

Manutenzione straordinaria strade forese e via Selice –  L’Amministrazione comunale ha dato il via libera ai lavori di manutenzione straordinaria delle pavimentazioni in asfalto di otto strade comunali poste nel forese. Gli interventi sono stati deliberati dalla giunta, che ha previsto un quadro economico complessivo di oltre 95mila euro di investimenti. Le strade interessate dagli interventi sono: Via Di Dozza; Via Fluno; Via Gambellara; Via Lasie; Via Linaro; Via Prati cupi; Via Suore; Via Tinti (parcheggio centro sociale). I lavori di manutenzione straordinaria si rendono necessari per garantire la sicurezza e la percorribilità delle strade in esame, in quanto presentano dei tratti localizzati alquanto dissestati.

Gli interventi consistono nel ripristino funzionale e nella messa in sicurezza dell’asfalto nei diversi tratti interessati, attraverso la rimozione di quello esistente, la successiva posa di nuovo conglomerato con corretta risagomatura delle pendenze stradali. I tempi di esecuzione sono stati stimati in venti giorni consecutivi e continui, una volta avviati i lavori, il cui inizio è previsto indicativamente a metà febbraio. A questi interventi si aggiungono anche quelli di sistemazione dell’asfalto in alcuni tratti della via Selice, nella parte che va dal sottopasso della ferrovia fino alla Sacmi, in entrambe le corsie. L’importo dei lavori è di 88mila euro. Anche in questo caso i lavori cominceranno indicativamente a metà febbraio. Le soluzioni d’intervento scelte, in accordo agli obiettivi di mantenere costanti i livelli di sicurezza, impegnando le risorse economiche nel modo migliore, hanno lo scopo di rimuovere i degradi esistenti sulle struttura stradali e di limitarne nel tempo il successivo rimanifestarsi.

Lavori di ripristino movimenti franosi in via dei Colli e in via Lola – Sempre nei giorni scorsi la giunta comunale ha approvato una delibera che integra le risorse messe a disposizione a fine agosto dal Commissario straordinario Nicola Izzo, che con due apposite delibere aveva approvato e finanziato i progetti esecutivi dei lavori di ripristino e consolidamento del movimento franoso nella collina Rivazza, in Vvia dei Colli e di quelli relativi a via Lola. Si tratta nel complesso di circa 58.500 euro che si sono resi necessari a coprire i costi di progettazione dei due interventi e nel caso di via dei Colli a svolgere anche le indagini per la eventuale bonifica bellica dell’area interessata dall’intervento. La somma è destinata ad Area Blu, che ha il compito della progettazione e dell’affidamento dei lavori in entrambi i casi. L’intervento di ripristino e consolidamento nella collina Rivazza in Via dei Colli ammonta a poco più di 100 mila euro, finanziati dal Comune con il contributo dell’Agenzia regionale di Protezione civile; quello di via Lola ammonta a circa 110 mila euro, finanziato sempre dal Comune con il contributo dell’Agenzia regionale di Protezione civile. Per quanto riguarda il movimento franoso nella collina Rivazza, in via dei Colli, sono necessari interventi di ripristino funzionale, messa in sicurezza e consolidamento dei rivali in quanto il terreno è soggetto a frane, come avvenuto circa un paio di anni fa, sena causare danni a persone o alle cose. Il progetto prevede l’inserimento di una fitta rete di pali, lungo un  fronte di circa 60/70 metri, corrispondente al movimento franoso verificatosi, piantati nel terreno ad una profondità di nove metri,  a distanza di un metro l’uno dall’altro. I pali saranno in cemento armato di un  larghezza di 60 centimetri e consentiranno di formare una sorta di muro di sostegno all’interno del terreno; inoltre verrà ripristinata la pendenza per evitare, in futuro, scivolamenti del terreno. I lavori prenderanno il via lunedì 18 gennaio, con le verifiche di bonifica bellica e si prevede di portarli a termine nell’arco di un paio di mesi.

Per quanto riguarda via Lola, l’intervento è mirato al consolidamento della scarpata stradale, compromessa da dissesti verificatisi nel corso degli anni dovuti principalmente a condizioni di instabilità del terreno. Il tratto interessato è lungo circa 35 metri e  si trova subito dopo l’intersezione con via Bergullo, prima del tornante. Anche in questo caso si interverrà con l’inserimento di pali nel terreno con le stesse caratteristiche e modalità dell’intervento di via dei Colli. I lavori cominceranno lunedì 18 gennaio e si protrarranno per circa 60 giorni. L’obiettivo è di riuscire ad attivare un senso unico alternato dopo una trentina di giorni, in modo da ripristinare l’accesso alle abitazioni ed alle aziende agricole da via Bergullo.