Imola. La giunta regionale ha deciso di allargare ulteriormente la platea dei destinatari della campagna di screening volontaria e gratuita – voluta per contrastare la diffusione del Covid-19, soprattutto in ambiente scolastico e familiare – con il tampone rapido in farmacia. Alle categorie che già ne hanno diritto, si aggiungono anche volontari delle associazioni del Terzo settore che assistono anziani soli o persone con disabilità; caregiver familiari che si prendono cura di anziani o di persone con disabilità, oltre a educatori che operano nei servizi parascolastici, in centri di aggregazione giovanile, oratori, scout, ludoteche, e istruttori ed allenatori di società sportive giovanili presenti nel territorio.

Da lunedì 1 febbraio infatti queste categorie di persone potranno recarsi in una delle farmacie convenzionate del territorio ed effettuare gratuitamente il tampone rapido.

“Dentro questa pandemia gli anziani hanno rappresentato la fascia di età più esposta che ha dovuto fare i conti con una doppia difficoltà, fisica e psicologica. Oltre alla naturale esposizione dovuta alla concomitanza di altre patologie e ad un sistema immunitario meno efficiente, si sono infatti sovrapposte le difficoltà psicologiche legate al sopravvenuto isolamento sociale dai parenti. La possibilità offerta ai familiari e ai caregiver di poter effettuare gratuitamente un tampone rapido attraverso un servizio di prossimità offerto dalle farmacie, rappresenta un salto di qualità nella lotta al Covid-19 per proteggere le persone anziani e quelle più fragili”, commenta Daniela Spadoni, assessore al Welfare