La buona notizia arriva dall’indice di positività in Emilia Romagna che crolla al 3,1% (ieri era al 10,2%), così come è significativo il calo a livello nazionale: 3,95% contro il 5,5% di 24 ore fa. I casi oggi sono 9.660, i morti sono 499. Positivi in Emilia Romagna sotto quota mille: 879, i decessi 72. Tre decessi nel territorio dell’Ausl di Imola: un uomo di Imola di 82 anni, una donna di Medicina di 91 anni e un uomo di Dozza di 87 anni, 23 nuovi casi (ieri 46).

Aggiornamento Italia ore 12 del 2 febbraio. I casi odierni sono 9.960 (ieri 7.925), con 244.429 tamponi (ieri 142.419). I decessi da inizio pandemia sono 89.344, i casi complessivi 2.570.608, ancora in discesa gli attuali positivi 437.765 (in giornata – 9.824). Tornano a scendere i ricoverati nelle terapie intensive: – 38 per un totale di 2.214, aumentano invece i ricoverati con sintomi: 20.317 (+ 57), i guariti odierni sono 18.976 per un totale di 2.043.499.

In Emilia Romagna 72 decessi nelle ultime 24 ore (34 ieri). I positivi sono 879 (ieri 1.051), con 28.432 tamponi totali (ieri 10.269). I guariti sono 2.096, in calo i casi attivi totali: 45.312 (- 1.289 rispetto a ieri).

I casi in Italia

Per la prima volta da molte settimane nessuna regione italiana supera quota mille contagiati. La Sicilia è la regione con più casi: 984, seguono Campania 919, Lombardia: 912, Emilia Romagna e Puglia 879, Lazio 842.

La situazione di ieri >>>>

La situazione in Italia in tempo reale >>>>

Le vaccinazioni in Emilia Romagna >>>>

Le vaccinazioni in Italia >>>>

La situazione nell’Ausl di Imola

Su 190 tamponi molecolari e 114 antigenici rapidi sono 23 i nuovi casi positivi registrati dall’Ausl di Imola, di cui 15 asintomatici e 8 sintomatici. 15 persone sono state individuate tramite tracciamento. 18 persone erano già isolate. 5 casi sono riferibili a focolaio già individuato. I guariti sono 40. 7035 i casi totali da inizio pandemia e 700 i casi attivi (ieri 720). Sono 30 i ricoveri Covid ordinari, 7 in ECU, 12 in OsCo e 13 in Terapia intensiva.

I dati settimanale della situazione pandemica nel Circondario Imolese 

Vaccinazioni

Nella giornata di ieri sono state effettuate 183 seconde dosi di vaccino (totale 1395) e 93 prime dosi (3414). Nella giornata di oggi è giunta in Azienda la consegna settimanale di vaccino Pfizer-Biontech (195 flaconi per 1170 dosi circa), mentre nei giorni scorsi era stata consegnata una scatola di vaccino Moderna (10 fiale ossia 100 dosi).

Mentre il vaccino Pfizer sarà utilizzato per completare le vaccinazioni sui target sanitari e socio sanitari e sugli ospiti delle residenze per anziani, il vaccino Moderna sarà utilizzato per avviare la vaccinazione in persone con più di 80 anni che fruiscono dell’assistenza domiciliare (ADI). L’Azienda Usl avvierà le prime vaccinazioni su questo target in settimana, partendo dai residenti a Castel S. Pietro Terme. Trattandosi di persone già in carico ai servizi, sarà l’Azienda USL a contattarli direttamente.

La situazione in regione

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 220.575 casi di positività, 879 in più rispetto a ieri, su un totale di 28.432 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. Si tratta del numero di contagi più basso registrato in Emilia-Romagna dalla prima settimana di ottobre. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 3,1%.

Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid, che in questa prima fase riguarda il personale della sanità e delle Cra, compresi i degenti delle residenze per anziani. Alle ore 15 sono state somministrate complessivamente 212.990 dosi, di cui 5.706 oggi; sul totale, 81.438 sono seconde dosi, e cioè le persone che hanno completato il ciclo vaccinale e sono perciò immunizzate.

Si ricorda che, alla luce delle nuove forniture di dosi di Moderna e Pfizer-Biontech,previste in Emilia-Romagna per questa settimana, anche per i prossimi giorni proseguiranno in via prioritaria i richiami, con la somministrazione della seconda dose a chi ha ricevuto la prima, e ai degenti delle Cra.

Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: dei nuovi contagiati, 386 sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 299 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 416 sono stati individuati all’interno di focolai già noti.

L’età media dei nuovi positivi di oggi è 42,4 anni.

Sui 386 asintomatici, 260 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 27 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 6 con gli screening sierologici, 5 tramite i test pre-ricovero. Per 88 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica.

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 215 nuovi casi; poi Modena (166), Reggio Emilia (95), Rimini (84), Ferrara (78), Cesena (66) e Piacenza (59); seguono le province di Forlì (38), Parma (31), Ravenna (24), e infine Imola (23).

Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 17.308 tamponi molecolari, per un totale di 3.011.257. A questi si aggiungono anche 294 test sierologici e 11.124 tamponi rapidi.

Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 2.096in più rispetto a ieri e raggiungono quota 165.681.

I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 45.312 (-1.289 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 42.938 (-1.275), il 94,8% del totale dei casi attivi.

Purtroppo, si registrano 72 nuovi decessi: 7 a Piacenza (due donne di 93 e 101 anni, e 5 uomini: uno di 67, uno di 71, due di 89 e uno di 95 anni); 5 in provincia di Parma (4 donne di 66, 71, 76 e 92 anni, e un uomo di 86 anni); 2 donne in provincia di Reggio Emilia (di 78 e 86 anni); 6 nella provincia di Modena (due donne – di 85 e 90 anni – e 4 uomini di 52, 72, 86 e 91 anni); 29 in provincia di Bologna (13 donne: di 75, 76, 79 anni, due di 81, una di 85, una di 88, una di 90, due di 91, poi di 92, 94 e 97 anni; 16 uomini: di 53, 62, 66, 73, 79, 80 anni, due di 81, e ancora di 82, 83, 87 anni, due 90enni, due di 93 e uno di 95 anni); 5 nella provincia di Ferrara (tre donne – di 80, 82 e 86 anni – e due uomini di 78 e 83 anni); 4 in provincia di Ravenna (una donna di 93 anni e tre uomini di 66, 78 e 90 anni); 9 in provincia di Forlì-Cesena (6 donne di 85, 89, 90, 91, 92 e 97 anni; tre uomini di 84, 85 e 88 anni); 5 nel riminese (due donne di 85 e 93 anni, e tre uomini di 74, 77 e 89 anni).

In totale, dall’inizio dell’epidemia i decessi in regione sono stati 9.582.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 198 (-9 rispetto a ieri), 2.176 quelli negli altri reparti Covid (-5).

Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 17 a Piacenza (+1), 14 a Parma (numero stabile rispetto a ieri), 16 a Reggio Emilia (-2), 39 a Modena (-5), 42 a Bologna (-2), 13 a Imola (-1), 28 a Ferrara (+1), 6 a Ravenna (invariato), 2 a Forlì (invariato), 2 a Cesena (-1) e 19 a Rimini (invariato).

Questi i casi di positività sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 18.474 a Piacenza (+59 rispetto a ieri, di cui 37 sintomatici), 15.433 a Parma (+31, di cui 16 sintomatici), 29.306 a Reggio Emilia (+95, di cui 42 sintomatici), 38.870 a Modena (+166, di cui 108 sintomatici), 43.649 a Bologna (+215, di cui 144 sintomatici), 7.035 casi a Imola (+23, di cui 8 sintomatici), 12.831 a Ferrara (+78, di cui 22 sintomatici), 16.650 a Ravenna (+24, di cui 13 sintomatici), 8.307 a Forlì (+38, di cui 24 sintomatici), 9.501 a Cesena (+66, di cui 40 sintomatici) e a 20.519 Rimini (+84, di cui 39 sintomatici).