Un momento dell’incontro fra la delegazione iraniana e quella della giunta imolese

Concretizzare la collaborazione fra Imola e Ardakan (Iran), dando corso al ‘patto di collaborazione’ esistente fra le due città. Con tale  obiettivo, nei giorni scorsi si è svolto un incontro on line fra il Comune di Imola, rappresentato dal sindaco Marco Panieri e dall’assessore all’Autodromo ed al Turismo, con delega ai Gemellaggi, Elena Penazzi insieme con Andrea Zucchini e Parnia Amani, rispettivamente presidente e direttore generale di I-Pars, società attiva da diversi anni nello sviluppo delle relazioni commerciali, istituzionali e culturali tra Italia ed Iran, con il Console dell’Iran in Italia Sowlat, il sindaco di Ardakan Pour Dehgan e il presidente del consiglio comunale Hosseini Pour e l’Assessore Marevvati.

Al centro dell’incontro, ci sono stati diversi temi, che rientrano nel patto di collaborazione firmato nel 2019 dagli allora sindaci delle due città.

“Siamo partiti dal lavoro svolto in precedenza, dando seguito al ‘patto di collaborazione’, con questo primo incontro dalla sua firma, per avviare una nuova fase di ‘diplomazia urbana’, come modello di collegamento fra città per nuove opportunità di sviluppo. A maggior ragione oggi, perché nel momento in cui ci sarà la ripartenza, dopo questo lungo periodo di forte crisi dovuta alla pandemia, vogliamo essere pronti a cogliere tutte le occasioni per un nuovo sviluppo”, ha spiegato il sindaco Marco Panieri.

Il primo tema affrontato è stato quello relativo allo sviluppo industriale, sia per quanto attiene all’export di tecnologie del territorio imolese in Iran sia per l’import da parte di nostre imprese  di materie prime e semi lavorati. Altro tema è quello dello sviluppo ecosostenibile, con particolare riferimento alla mobilità elettrica, collegato anche al ruolo dell’autodromo, come piattaforma strategica, poi il turismo e la formazione. Infine, ma non certo per importanza, lo scambio a livello formativo, anche alla luce dei nuovi corsi di laurea che saranno insediati ad Imola.

“Ardakan è una città di circa 120 milaabitanti, al centro dell’Iran, il più importante polo ceramico della nazione ed il terzo nella produzione di acciaio, con un ruolo molto forte nel panorama nell’area medio orientale. L’obiettivo è ospitare ad Imola una delegazione di imprenditori iraniani, per favorire la possibilità di scambi e investimenti e successivamente di portare una delegazione di imprenditori e aziende imolesi a Ardakan. Va ricordato che in Iran è molto apprezzata la tecnologia italiana, in particolare quella relativa agli impianti industriali di produzione e lavorazione in molteplici settori”, ha messo in evidenza Andrea Zucchini, Presidente di I-Pars.

“Da parte nostre c’è la piena disponibilità a collaborare, lavorando su temi che ci stanno molto a cuore come la mobilità elettrica e sostenibilità ambientale, compreso il turismo sostenibile legato al mondo della bicicletta, sfruttando le potenzialità legate all’autodromo ed anche al percorso dei recenti Mondiali di ciclismo ed alla nuova ciclabile del Santerno, da Mordano a Castel del Rio”, ha sottolineato l’assessore Elena Penazzi.

“L’Iran per molte aziende italiane, emiliano-romagnole, bolognesi ed imolesi costituisce un mercato fondamentale e se riusciamo a muoverci insieme, Comune, istituzioni, associazioni ed imprese, potremo essere pronti a cogliere opportunità importanti. Per questo, sono molto contento che questa Amministrazione comunale stia portando avanti il “patto di collaborazione” esistente ma da sviluppare, nell’interesse delle imprese imolesi e più in generale di tutta la città”, ha aggiunto Zucchini.

“Mi ha fatto molto piacere parlare personalmente con il nuovo sindaco di Ardakan, anche lui da poco alla guida della città. Da neo sindaci, ci siamo augurati a vicenda buon lavoro. Il fatto che entrambi siamo da poco in carica ci consente di avere una prospettiva di lavoro lunga, in modo da poter costruire nel tempo una solida e importante amicizia e collaborazione fra le nostre città e più in generale fra l’Italia e l’Iran”, ha dichiarato Panieri. Che in conclusione ha voluto ringraziare “Andrea Zucchini e Parnia Amani per avere consentito di far nascere importanti occasioni di accordi fra le due realtà. Come città possiamo mettere a disposizione sia il patrimonio di tecnologie industriali molto avanzato sia le eccellenze in campo turistico-culturale del nostro territorio a partire dall’autodromo, nel più vasto ambito della Motor Valley, sia lo sviluppo in campo universitario”.