Faenza. Le immagini di una videocamera, a fianco di un’abitazione in una strada vicina a via Corbara fra le 6 e le 6.15 del 6 febbraio è stata assassinata la 46enne faentina Ilenia Fabbri che lavorava in una concessionaria d’auto a Imola, stanno diventando sempre più interessanti per chi indaga, forze dell’ordine e Procura.

Infatti, mostrano il passaggio a piedi, poco prima delle 6 del mattino, di un uomo di carnagione chiara, altezza circa 1,90, vestito di scuro, con un cappuccio e il volto coperto da una mascherina. Gli inquirenti sono al lavoro perché a quell’ora del sabato mattina, in una zona vicina al centro storico di Faenza, non passa quasi mai nessuno. Quindi la persona inquadrata potrebbe essere l’assassino di Ilenia Fabbri.
Per di più, la descrizione è molto simile a quella fatta dall’amica della figlia di Ilenia (le due giovani si chiamano entrambe Arianna), che era rimasta a dormire nella casa di via Corbara dopo che la figlia della vittima insieme a suo padre (l’ex marito di Ilenia, Claudio Nanni attualmente indagato a piede libero) erano usciti.

La ragazza, sentendo rumori strani e le urla di Ilenia, ha aperto per un attimo la porta della stanza nella quale dormiva e ha intravisto un uomo alto e muscoloso che potrebbe coincidere con quello ripreso dalla videeocamera.