I carabinieri del Comando Provinciale di Bologna hanno identificato 582 persone, controllato 443 veicoli e 81 esercizi pubblici, durante i controlli del territorio, con particolare riferimento ai servizi di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, in occasione delle nuove restrizioni per l’ingresso in fascia rossa della Città Metropolitana di Bologna.

La stragrande maggioranza dei cittadini controllati dai militari sta rispettando le regole per evitare la diffusione dell’epidemia, mentre una piccola parte, il 5 marzo, sta continuando a violarle, soprattutto quelle che riguardano gli spostamenti, legittimati da comprovate esigenze lavorative, motivi di salute o altri motivi ammessi dalle vigenti normative.

E’ quanto accaduto a Bologna, dove i carabinieri del Nucleo Radiomobile, impiegati a pattugliare le principali vie del centro storico, hanno sanzionato sei italiani di età compresa tra i 21 e i 43 anni che stavano passeggiando senza alcuna comprovata motivazione. Un fatto analogo è successo a Imola, dove i carabinieri della Compagnia, impegnati nei controlli del centro storico (piazza Giacomo Matteotti, via Emilia e via Appia), hanno sanzionato otto italiani di età compresa tra i 29 e i 59 anni che stavano passeggiando per le vie del centro senza alcuna comprovata motivazione.