Sono trascorsi poco meno di 400 giorni dall’inizio dell’emergenza Covid e nella giornata odierna sono stati superati i 100 mila decessi. Purtroppo negli ospedali italiani si continua a morire e anche oggi i decessi sono 318.

Giornata di tregua, invece, nell’Ausl di Imola dopo i 14 decessi in tre giorni. In giornata però vi sono 126 nuovi casi (su 710 tamponi molecolari e 355 antigenici rapidi refertati) con un indice di positività all’11,8% (ieri 9,6%). In Italia 13.902 con tamponi in calo, infatti l’indice si ferma al 7,5% rispetto al 7,7% di ieri. In regione 2.987 positivi e 50 decessi, indice al 17% (in crescita come sempre quando arrivano i dati dei festivi quando soprattutto i molecolari vengono fatti principalmente su casi per i quali spesso è atteso il risultato positivo), ieri era all’11,8%.

Aggiornamento Italia ore 14 dell’8marzo

A livello nazionale 318 decessi e 13.902 positivi (ieri 20.765) con 184.684 tamponi (ieri 271.336). I decessi da inizio pandemia sono 100.103, i casi complessivi 3.081.368. Dopo tanti giorni di crescita gli attuali positivi tornano leggermente a diminuire: 472.533 (in giornata – 329), mentre, purtroppo, i ricoverati nelle terapie intensive segnano una nuova impennata, 95 in più di ieri, per un totale di 2.700, e aumentano ancora i ricoverati con sintomi: 21.831 (+ 687). I guariti odierni sono 13.893 per un totale di 2.508.732.

L’Emilia Romagna oggi registra 50 decessi (ieri 31). I positivi sono 2.987 (ieri 3.056), con 17.492 tamponi (ieri 25.888). I guariti sono 838, non si ferma la crescita dei casi attivi totali: 57.018 (+ 2.099 rispetto a ieri). Crescono anche i pazienti ricoverati in terapia intensiva: 286 (+ 3 in più rispetto a ieri).

I positivi in Italia

Oggi è l’Emilia Romagna la regione con il più alto numero di contagi: 2.987 (ieri 3.056), seguono Lombardia 2.301 (ieri 4.397), Campania 1.644 (2.560), Piemonte 1.214 (1.543), Lazio 1.175 (1.399), Toscana 1.000 (1.355). Le altre regioni sono sotto i mille contagiati in giornata.

La situazione di ieri >>>>

La situazione in Italia in tempo reale >>>>

Le vaccinazioni in Italia >>>>

La situazione nell’Ausl di Imola

Su 710 tamponi molecolari e 355 antigenici rapidi refertati, sono 126 i nuovi casi positivi registrati dall’Ausl di Imola (31 fino ai 14 anni, 18 nelle fascia di età 15-24 anni; 16 nella fascia 25-44 anni; 40 nella fascia 45-64; 21 dai 65 anni in su) di cui 66 asintomatici e 60 sintomatici. 60 positività sono emerse tramite tracciamento, 62 persone erano già isolate e 11 sono riferibili a focolaio già noto. Non si registrano decessi. 55 i guariti

I casi attivi sono 2278 (ieri 2,207), mentre sono 10.120 i casi totali da inizio pandemia. Salgono a 99 i ricoveri internistici Covid (+ 4 rispetto a ieri), di cui 16 in fase post acuta, stabili a 8 i pazienti in ECU, salgono a 24 (+ 1) le persone in terapia intensiva (di cui 8 ad Imola).

Alla data di ieri erano 7.083 le persone vaccinate con almeno 1 dose, di queste 4261 hanno già completato il ciclo vaccinale di due dosi. Alla data di venerdì 5 marzo i medici di famiglia del territorio avevano vaccinato con prima dose 1057 persone che lavorano in ambito scolastico.

La situazione in regione

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 282.616 casi di positività, 2.987 in più rispetto a ieri, su un totale di 17.492 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri, il 17%, non è assolutamente indicativa dell’andamento generale visto il numero di tamponi effettuati, che la domenica è inferiore rispetto agli altri giorni. Inoltre, nei giorni festivi soprattutto quelli molecolari vengono fatti principalmente su casi per i quali spesso è atteso il risultato positivo.

Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid, che in questa fase riguarda il personale della sanità e delle Cra, compresi i degenti delle residenze per anziani, in maggioranza già immunizzati, gli ultraottantenni in assistenza domiciliare e i loro coniugi, se di 80 o più anni, e le persone dagli 85 anni in su; proseguono le prenotazioni per quelle dagli 80 agli 84 anni, iniziate il 1^ marzo. Poi il personale scolastico e universitario e le forze dell’ordine.

Le vaccinazioni in Emilia Romagna >>>>

Alle ore 15 sono state somministrate complessivamente 487.051 dosi; sul totale, 155.615 sono seconde dosi, e cioè le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: dei nuovi contagiati, 1.408 sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 631 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 956 sono stati individuati all’interno di focolai già noti.

L’età media dei nuovi positivi di oggi è 41 anni.

Sui 1.408 asintomatici, 709 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 129 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 24 con gli screening sierologici, 8 tramite i test pre-ricovero. Per 538 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica.

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 844 nuovi casi, seguita da Modena (530). Poi Rimini (380) e Reggio Emilia (312), quindi Cesena (182), Ferrara (177), Forlì (138), Ravenna (130), Parma (129) e Imola (126). Infine, la provincia di Piacenza (39).

Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 12.471 tamponi molecolari, per un totale di 3.550.630. A questi si aggiungono anche 8 test sierologici e 5.021 tamponi rapidi.

Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 838 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 214.771.

I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 57.018 (+2.099 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 53.772 (+1.948), il 94,3% del totale dei casi attivi.

Purtroppo, si registrano 50 nuovi decessi: 1 a Parma (una donna di 85 anni); 5 in provincia di Reggio Emilia (due donne, di 90 e 91 anni, e 3 uomini rispettivamente di 82, 83 e 90 anni); 6 nel modenese (5 donne – di 50, 73, 2 di 87, 91 anni – e un uomo, di 76 anni); 24 in provincia di Bologna (16 donne – una di 47, 2 di 74, 2 di 78, 2 di 80, una di 81, 2 di 85, una di 87, 2 di 90, una di 93, una di 94 e una di 95 anni; 8 uomini, rispettivamente di 56, 71, 75, 77, 81, 83, 91, 89 anni); 6 in quella di Ferrara (4 donne – di 78, 88, 91, 97 anni – e 2 uomini, entrambi di 84 anni); 5 nel ravennate (2 donne, di 91 e 92 anni, e 3 uomini, rispettivamente di 65, 66 e 81 anni); 3 in provincia di Forlì-Cesena (tutti uomini, di 63, 78 e 83 anni). Nessun decesso nelle province di Piacenza e Rimini.

In totale, dall’inizio dell’epidemia i decessi in regione sono stati 10.827.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 286 (+3 rispetto a ieri), 2.960 quelli negli altri reparti Covid (+148).

Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 10 a Piacenza (invariato rispetto a ieri), 14 a Parma (invariato), 26 a Reggio Emilia (invariato), 54 a Modena (invariato), 84 a Bologna (invariato), 24 a Imola (+1), 28 a Ferrara (+1), 12 a Ravenna (+1), 5 a Forlì (invariato rispetto a ieri), 6 a Cesena (-1) e 23 a Rimini (+1).

Questi i casi di positività sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 20.469 a Piacenza (+39 rispetto a ieri, di cui 26 sintomatici), 19.183 a Parma (+129, di cui 75 sintomatici), 35.442 a Reggio Emilia (+312, di cui 137 sintomatici), 49.302 a Modena (+530, di cui 347 sintomatici), 59.236 a Bologna (+844, di cui 424 sintomatici), 10.120 casi a Imola (+126, di cui 60 sintomatici), 16.317 a Ferrara (+177, di cui 45 sintomatici), 21.519 a Ravenna (+130, di cui 71 sintomatici), 10.799 a Forlì (+138, di cui 100 sintomatici), 13.463 a Cesena (+182, di cui 114 sintomatici) e 26.766 a Rimini (+380, di cui 180 sintomatici).

Rispetto a quanto comunicato nei giorni passati, sono stati eliminati 15 casi, positivi a test antigenico ma non confermati dal tampone molecolare. Sono stati inoltre eliminati altri 2 casi, comunicati precedentemente, in quanto giudicati non Covid-19.