Ci avviciniamo a grandi passi al periodo pasquale con una situazione sanitaria ancora preoccupante. Tanto da costringere il Governo a un nuovo Decreto legge che inasprisce le misure già in atto e ci obbligherà ad una Pasqua da zona rossa in tutto il Paese. La scomparsa della zona gialla dimostra come la situazione sia molto complessa. Nello stesso tempo il ministro della Salute, Roberto Speranza, nella sua ordinanza, orami settimanale, ha rimodulato le zone in tutt’Italia, aumentando la presenza di zone rosse. L’Emilia Romagna dal 15 marzo sarà tutta rossa.

La situazione odierna

Una giornata senza decessi nell’Ausl di Imola, i positivi sono 96 (su 1.050 tamponi molecolari refertati e 456 antigenici rapidi) con un indice di positività in lieve calo al 6.4% (ieri 6,6%). In Italia 26.062 e indice al 7% (ieri 7,3%). In regione 2.950 positivi e 31 decessi, indice al 7,5% (ieri 7,4%).

Aggiornamento Italia ore 14 del 13 marzo

A livello nazionale 317 decessi e 26.062 positivi (ieri 26.824) con 372.944 tamponi (ieri 369.636). I decessi da inizio pandemia sono 101.881, i casi complessivi 3.201.838. Sempre in crescita gli attuali positivi: 520.061 (in giornata + 10.774), così come i ricoverati nelle terapie intensive, il saldo tra ingressi e uscite segna + 68, per un totale di 2.982, e i ricoverati con sintomi: 24.153 (+ 497). I guariti odierni sono 14.970 per un totale di 2.579.896.

L’Emilia Romagna oggi registra 31 decessi (ieri 35). I positivi sono 2.950 (ieri 3.477), con 39.228 tamponi (ieri 47.160). I guariti sono 1.023, crescono ancora i casi attivi totali: 64.487 (+ 1.896 rispetto a ieri). I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 354 (+ 4 rispetto a ieri), 3.254 quelli negli altri reparti Covid (ieri 3.197).

I positivi in Italia

La Lombardia è la regione con il maggior numeri di contagiati: 5.809 (ieri 6.262), seguono Emilia Romagna 2.950 (ieri 3.477), Campania 2.940 (2.644), Veneto 2.682 (1.932), Piemonte 2.159 (2.929), Lazio 1.998 (1.757), Puglia 1.700 (1.774), Toscana 1.326 (1.304), Marche 1.000 (874). Le altre regioni sono sotto i mille contagiati in giornata.

La situazione di ieri >>>>

La situazione in Italia in tempo reale >>>>

Le vaccinazioni in Italia >>>>

La situazione nell’Ausl di Imola

Su 1050 tamponi molecolari refertati e 456 antigenici rapidi, sono 96 i nuovi casi positivi registrati dall’Ausl di Imola (17 fino ai 14 anni, 13 nelle fascia di età 15-24 anni; 25 nella fascia 25-44 anni; 25 nella fascia 45-64; 16 dai 65 anni in su), di cui 46 asintomatici e 50 sintomatici. 40 positività sono emerse tramite tracciamento, 1 con test per categoria; 49 persone erano già isolate e 6 sono riferibili a focolaio già noto. Nessun decesso e 80 guariti.

I casi attivi sono 2.421 (ieri 2.402), mentre salgono a 10.541 i casi totali da inizio pandemia.

Nella mattinata di oggi erano 80 i ricoveri internistici, di cui 2 post acuti; 14 i Covid posti acuti in Osco Covid, 8 in ECU, 33 (- 1) le persone in Terapie Intensive regionali, di cui 13 ad Imola (+ 3).

La rianimazione dell’ospedale di Imola che con il recente ampliamento può ospitare fino a 14 pazienti ( foto Igor Bacchilega – direttore Anestesia Rianimazione Ausl Imola)

Alla data di ieri erano 7957 le persone vaccinate con almeno 1 dose, di queste 46715 hanno già completato il ciclo vaccinale di due dosi, per un totale di 12672, oltre alla vaccinazioni degli operatori della scuola presso i Medici di famiglia. Oggi sono state completate le vaccinazioni sulla prima categoria di persone estremamente vulnerabili, pazienti in dialisi e trapiantati. Da lunedì avvio alla prenotazione delle persone tra i 75 ed i 79 anni, con appuntamenti fin dal 16 marzo al centro Auditorium Osservanza.

La situazione in regione

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 296.324 casi di positività, 2.950 in più rispetto a ieri, su un totale di 39.228 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sui tamponi fatti da ieri è del 7,5%.

Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid, che in questa fase riguarda il personale della sanità e delle Cra, compresi i degenti delle residenze per anziani, in maggioranza già immunizzati, gli ultraottantenni in assistenza domiciliare e i loro coniugi, se di 80 o più anni, e le persone dagli 85 anni in su; proseguono le prenotazioni per quelle dagli 80 agli 84 anni, iniziate il 1^ marzo. Poi il personale scolastico e universitario e le forze dell’ordine. Da lunedì 15 marzo in tutta l’Emilia-Romagna sono aperte le prenotazioni per il vaccino dei cittadini dai 75 ai 79 anni (i nati dal 1942 al 1946). In partenza anche le chiamate delle Aziende sanitarie alle persone ‘estremamente vulnerabili’, cioè affette da patologie critiche.

Le vaccinazioni in Emilia Romagna >>>>

Alle ore 15 sono state somministrate complessivamente 574.396 dosi; sul totale, 183.168 sono seconde dosi, e cioè le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: dei nuovi contagiati, 1.261 sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 537erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 983 sono stati individuati all’interno di focolai già noti.

L’età media dei nuovi positivi di oggi è 42,2 anni.

Sui 1.261 asintomatici, 645 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 65 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 63 con gli screening sierologici, 13 tramite i test pre-ricovero. Per 475 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica.

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 762 nuovi casi, seguita da Modena (509), Reggio Emilia (302), Rimini (261), Ravenna (225), Parma (203), Forlì (180), Cesena (179), Ferrara (171), Imola (96) e Piacenza (62).

Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 23.626 tamponi molecolari, per un totale di 3.670.207. A questi si aggiungono anche 222 test sierologici e 15.602 tamponi rapidi.

Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 1.023 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 220.812.

I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 64.487 (+1.896 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 60.879 (+1.832), il 94,4% del totale dei casi attivi.

Purtroppo, si registrano 31 nuovi decessi: 1 a Piacenza (una donna di 93 anni); 4 a Parma (tre uomini di 50, 88 e 42 anni, una donna di 84 anni); 9 nella provincia di Modena (cinque donne rispettivamente di 101, 90, 85, 97 e 92 anni – e quattro uomini di 79, 77, 88 e 91 anni); 2 a Reggio Emilia (un uomo di 90 e una donna di 55 anni); 8 nella provincia di Bologna (otto uomini di 89, 69, 87, 75, 98, 59, 83 e 86 anni); 6 nella provincia di Ravenna (due donne entrambe di 91 anni, quattro uomini di 59, 71, 72 e 73 anni), 1 in provincia di Rimini (un uomo di 78 anni). Nessun decesso nelle provincie di Ferrara e Forlì-Cesena.

In totale, dall’inizio dell’epidemia i decessi in regione sono stati 11.025.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 354 (+4 rispetto a ieri), 3.254 quelli negli altri reparti Covid (+60).

Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 10 a Piacenza (numero invariato rispetto a ieri), 19 a Parma (invariato), 30 a Reggio Emilia (invariato), 73 a Modena (invariato), 106 a Bologna (+7), 33 a Imola (-1), 32 a Ferrara (-1), 14 a Ravenna (invariato), 5 a Forlì (+1), 7 a Cesena (-2) e 25 a Rimini (invariato).

Questi i casi di positività sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 20.820 a Piacenza (+62 rispetto a ieri, di cui 42 sintomatici), 20.013 a Parma (+203, di cui 122 sintomatici), 36.770 a Reggio Emilia (+302, di cui 178 sintomatici), 51.232 a Modena (+509, di cui 363 sintomatici), 63.343 a Bologna (+762, di cui 440 sintomatici), 10.541 casi a Imola (+96, di cui 50 sintomatici), 17.057 a Ferrara (+171, di cui 25 sintomatici), 22.708 a Ravenna (+225, di cui 105 sintomatici), 11.453 a Forlì (+180, di cui 121 sintomatici), 14.257 a Cesena (+179, di cui 133 sintomatici) e 28.130 a Rimini (+261, di cui 110 sintomatici).