Imola. Quasi tutti gli imolesi ricordano con affetto e gratitudine Iriano Campagnoli non solamente come massaggiatore dei campioni del ciclismo, ma pure come loro massaggiatore nel suo ambulatorio di via Cavour. Iriano era una persona semplice sorridente e generosa, un vero galantuomo, un uomo onesto che non si vantava mai di nulla.

Da sinistra, Iriano Campagnoli con Felice Gimondi

Per il ciclismo è stato una grande personalità, il massaggiatore dei campioni. E’ stato anche il confidente, l’amico, il riferimento per tanti sportivi fino ai più alti livelli. Per questa città, ha legato il suo nome alle tante manifestazioni di ciclismo, fino alle competizioni internazionali, che Imola nei decenni ha accolto, a partire dai Campionati del Mondo del 1968. E proprio per ricordare il cinquantesimo anniversario di quell’evento, il 23 settembre 2018, nella cornice dell’autodromo “Enzo e Dino Ferrari”, Felice Gimondi gli consegnò una targa ricordo del Comune di Imola.

“Caro Iriano – scrive l’Amministrazione comunale – sei stato un tassello fondamentale dello sport e rimarrai sempre nel cuore degli imolesi. Un saluto affettuoso di vicinanza e partecipazione al figlio avvocato Edore, a tutti i famigliari, agli amici e alle tantissime persone che in questa città ti hanno conosciuto, stimato ed amato”.