Faenza. Ha ufficialmente preso il via il progetto di bilancio partecipativo intitolato “Idee ricostituenti”, reso possibile dal successo nel Bando regionale sulla Partecipazione 2020, mirato a finanziare progetti che mettono al centro il metodo partecipativo, l’ascolto, la discussione ed il pieno coinvolgimento della società civile.

Per la realizzazione del progetto è stata attivata una piattaforma internet, che permetterà ai cittadini dai 16 anni compiuti in su, in possesso di codice fiscale e residenti a Casola Valsenio, Castel Bolognese, Faenza, Riolo Terme o Solarolo, di presentare idee progettuali che vorrebbero veder realizzate nel proprio comune di residenza.

Le idee presentate dovranno riguardare almeno uno di tre temi specifici: trasformazione e transizione digitale; politiche giovanili; inclusione sociale e contrasto alle marginalità.

Una volta conclusa la fase di raccolta delle idee (che durerà fino al 9 maggio), verrà avviata una fase intermedia di valutazione di ammissibilità dei progetti (dal 10 maggio al 23 maggio), che aprirà la strada alla fase di votazione (dal 24 maggio al 27 giugno). In quest’ultima fase rientra in gioco la piattaforma, in cui i cittadini – anche quelli che non hanno proposto progetti – potranno votare le loro idee preferite. Le più votate passeranno infine sotto la lente di ingrandimento di una commissione tecnica che ne valuterà l’effettiva fattibilità prima di essere finanziate e realizzate dai Comuni.

Ai progetti vincitori spetteranno 43mila euro così ripartiti: cinque progetti da 5.000 euro ciascuno a Faenza, un progetto da 3.000 euro a Casola Valsenio, un progetto da 5.000 euro a Castel Bolognese, Riolo Terme e Solarolo.

Per ottenere informazioni dettagliate i cittadini possono visitare la piattaforma www.partecipo-romagnafaentina.it, dotata di una ricca sezione FAQ e di un Glossario che chiarisce i termini più utilizzati nel progetto.

Per il supporto tecnico è possibile scrivere alla mail partecipo@romagnafaentina.it; a breve verrà attivato uno sportello online – in modalità videochiamata – che fornirà supporto su prenotazione.

(Annalaura Matatia)