Castel San Pietro (Bo). Come annunciato dal sindaco Fausto Tinti nell’ultima seduta del consiglio comunale, mercoledì 6 aprile aprirà un nuovo centro vaccinale. Ad ospitare il punto di somministrazione delle vaccinazioni sarà il Centro Congressi Artemide-Hotel Castello di viale Terme 1010/B, dove per venerdì 9 aprile è attesa anche la visita del presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini.

“Ringrazio a nome di tutta la comunità castellana Luisa Tosoni e la sua famiglia – sottolinea il sindaco – per aver dato la disponibilità ad allestire il nuovo punto vaccinale al Centro Congressi Artemide-Hotel Castello, che è un’eccellenza del nostro territorio e ha tutte le caratteristiche e la funzionalità necessarie allo scopo. Proprio in queste ore – prosegue – si stanno mettendo a punto gli ultimi dettagli insieme all’Azienda Usl di Imola  affinché sia tutto pronto, anche con la cartellonistica dedicata, entro la giornata di apertura. Ovviamente tutta l’organizzazione dipenderà dalla disponibilità dei sieri, ma è essenziale, anche in vista della partenza della campagna vaccinale di massa, avere un presidio vaccinale di prossimità qui a Castel San Pietro Terme: primo, per limitare gli spostamenti e favorire un più agevole accesso alla vaccinazione ai nostri cittadini e a quelli di Dozza; secondo, per non saturare la Casa della Salute e gli altri ospedali del territorio che possono così continuare a rispondere più agevolmente anche agli altri bisogni sanitari della popolazione. Per rendere ancora più efficiente il funzionamento della campagna vaccinale – conclude poi il sindaco – il nostro Coc-Centro operativo comunale, che in quest’anno di pandemia ha svolto un ruolo fondamentale di protezione civile, sarà potenziato dal punto di vista organizzativo per coordinare e supportare tutte le procedure di accesso alla struttura e garantire massima protezione e distanziamento fra i cittadini in attesa dell’inoculazione del siero”.

“Quando mi è stata chiesta la disponibilità della struttura, sono stata molto contenta di poter dare una mano – afferma Luisa Tosoni, proprietaria del Centro Congressi Artemide-Hotel Castello -. Il Centro è chiuso da 13 mesi, siamo in grande sofferenza a causa della pandemia, e mi fa piacere vederlo rivivere per uno scopo così utile per la comunità. In tempi normali, a parte luglio agosto e nel periodo natalizio, sarebbe stato occupato in quasi tutti i weekend, poiché, grazie alle sue dimensioni pari a 1.000 mq e alla sua modularità, si presta a molti utilizzi. In questo caso, per i tre box  previsti per il punto di vaccinazione viene occupato un quarto dello spazio. Inoltre il Centro offre la comodità di un ampio parcheggio per un totale di 50 posti auto disponibili”.

Anche al Centro castellano accederanno cittadini delle classi di età o delle categorie per cui è aperta la prenotabilità, secondo le indicazioni del piano vaccinale nazionale e regionale.