Cala, pur restando elevato il numero dei morti in Italia: 344. Nell’attesa che i vaccini facciano pesare i loro numeri, è più che mai necessario che, con più regioni in zona arancione, si mantengano comportamenti corretti. L’Ausl di Imola segnala 4 decessi: 2 donne di Imola 73 e 67 anni, 1 donna di Castel S. Pietro di 78 anni e un uomo di Imola di 94 anni. I positivi odierni nel territorio imolese sono 25 (ieri erano 35) con 487 tamponi molecolari e 316 antigenici rapidi, per un indice di positività al 3,1% (ieri 3,5%). In Italia i casi sono 17.576 con un indice in crescita al 5,5% (ieri 5,2%). In regione 33 decessi, 1.525 positivi, indice al 5,3% (ieri 5,5%).

Aggiornamento Italia ore 12 del 10 aprile

A livello nazionale 344 decessi e 17.576 positivi (ieri 18.938) con 320.892 tamponi (ieri 362.973). I decessi da inizio pandemia sono 113.923, i casi complessivi 3.754.077. Si mantengono in calo gli attuali positivi: 533.085 (nelle 24 ore – 3.276), così come i ricoverati nelle terapie intensive, il saldo tra ingressi e uscite segna – 15, i nuovi ingressi sono ancora tanti 186 (ieri 192), per un totale di 3.588. In calo anche i ricoverati con sintomi nei reparti ordinari Covid, 492 in meno per un totale di 27.654. I guariti nelle 24 ore sono 20.483 per un totale di 3.107.069.

L’Emilia Romagna registra 33 decessi (ieri 36). I positivi sono 1.525 (ieri 1.488), con 28.829 tamponi (ieri 26.970). I guariti sono 2.270, ancora in calo i casi attivi totali: 67.432 (- 778 rispetto a ieri), i ricoverati nelle terapie intensiva, – 9, per un totale di 334, e quelli negli altri reparti Covid: 2.805 (- 111).

I positivi in Italia

La Lombardia è la regione con il maggior numero di contagi in giornata: 2.974 (3.289), seguono Campania 2.069 (2.225), Puglia 1.804 (1.791), Emilia Romagna 1.525 (ieri 1.488), Lazio 1.463 (1.363), Piemonte 1.267 (1.798), Sicilia 1.229 (1.505), Toscana 1.177 (1.309), Veneto 1.054 (988). Tutte le altre regioni hanno segnalato meno di mille contagiati. Nessuna regione con 0 casi.

La situazione di ieri >>>>

La situazione in Italia in tempo reale >>>>

Le vaccinazioni in Italia >>>>

La situazione nell’Ausl di Imola

Per quanto riguarda l’andamento epidemiologico, i nuovi positivi registrati oggi sono 25, con 487 test molecolari e 316 antigenici rapidi refertati. 3 positivi fino ai 14 anni, 2 tra i 15 ed i 24 anni, 6 nella fascia 25-44 anni, 13 nella fascia 45-64 e 2 hanno dai 65 anni in su. 4 sono asintomatici e 22 sintomatici. 2 sono stati individuati dal tracciamento, 14 persone erano già isolate e nessuno è riferibile ad un focolaio noto.

I guariti sono 40 (ieri 36). I casi attivi scendono a 749 (ieri 768), i casi totali sono 11.894 da inizio pandemia.

Ancora in calo l’occupazione dei posti letto Covid: 49 i ricoveri Covid nei reparti internistici (- 9), 6 in ECU (- 1), 15 in terapia intensiva (-1) di cui 4 ad Imola, 21 i ricoveri post acuti all’OsCo Covid, 5 le persone in Covid Hotel.

Vaccinazioni

Sono state 779 le nuove vaccinazioni eseguite ieri sul territorio aziendale, per un totale di 27884 (19236 prime dosi e 8648 seconde dosi).

Da lunedì 12 aprile si apriranno anche sul nostro territorio, come in tutta la Regione Emilia-Romagna, le prenotazioni per chi è nato nel 1947-1948-1949-1950-1951. Si tratta di circa 7.900 persone, anche se alcune centinaia risultano già prenotate o vaccinate in quanto rientranti in categorie precedentemente aperte alla vaccinazione per disabilità o estrema vulnerabilità. Come sempre la vaccinazione si prenota senza prescrizione medica. E’ sufficiente comunicare all’operatore CUP o inserire nei portali dedicati i propri dati anagrafici (nome, cognome, data e comune di nascita) o il proprio codice fiscale.

Le vaccinazioni saranno quindi prenotabili in tutte le Farmacie del territorio, nelle Parafarmacie abilitate, tramite Fascicolo sanitario elettronico, tramite App ER Salute, tramite Portale CupWeb, tramite CUP telefonico Numero verde 800 040606 dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 17.30, il sabato dalle 8.30 alle 12.30, agli Sportelli Unici (CUP) di: Imola (Ospedale S. Maria della Scaletta e Palazzina Ex Direzione sanitaria Lolli); Castel S. Pietro Terme (Casa della Salute); Medicina (Casa della Salute); Borgo Tossignano (Casa della Salute della Vallata)

Si ribadisce che solo nei prossimi giorni si forniranno anche le indicazioni per la vaccinazione dei conviventi e care giver di disabili certificati art. 3 comma 3 L. 104/92, di minori estremamente vulnerabili non vaccinabili per età e delle persone estremamente vulnerabili che per patologia o terapie risultano severamente immunodepresse come da specifiche del piano vaccinale nazionale e regionale e per il personale della scuola che non fosse ancora stato vaccinato. Queste categorie dovranno attendere qualche giorno le indicazioni sui percorsi di vaccinazione a loro dedicati e sono invitate a non contattare in questa fase i loro medici di famiglia che non hanno essi stessi ulteriori informazioni.

La situazione in regione

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 349.822 casi di positività, 1.525 in più rispetto a ieri, su un totale di 28.829 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 5,3%.

Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid, che in questa fase riguarda il personale della sanità e delle Cra, compresi i degenti delle residenze per anziani, in maggioranza già immunizzati, gli ultraottantenni in assistenza domiciliare e i loro coniugi, se di 80 o più anni, e le persone dai 75 anni in su; proseguono le vaccinazioni anche per il personale scolastico e le forze dell’ordine.

Le vaccinazioni in Emilia Romagna >>>>

Alle ore 14 sono state somministrate complessivamente 1.101.897 dosi; sul totale, 338.359 sono seconde dosi, e cioè le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

Tutte le informazioni sulla campagna vaccinale sono disponibili su: https://vaccinocovid.regione.emilia-romagna.it/

Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: dei nuovi contagiati, 558 sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 574 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 737 sono stati individuati all’interno di focolai già noti.

L’età media dei nuovi positivi di oggi è 43,7 anni.

Sui 558 asintomatici, 348 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 64 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 28 con gli screening sierologici, 6 tramite i test pre-ricovero. Per 112 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica.

La situazione dei contagi nelle province vede in testa Bologna con 346 casi seguita da Modena con 279 nuovi casi, poi Parma (193), Reggio Emilia (162), Ferrara (133) e Ravenna (102). Seguono Rimini (96), Cesena (81), Forlì (72), e infine, Piacenza (35) e il Circondario imolese (26).

Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 15.002 tamponi molecolari, per un totale di 4.131.774. A questi si aggiungono anche 304 test sierologici e 13.523 tamponi rapidi.

Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 2.270 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 270.050.

I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 67.432 (-778 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 64.293, il 95,3% del totale dei casi attivi.

Purtroppo, si registrano 33 nuovi decessi: 1 a Piacenza (un uomo di 81 anni); 3 in provincia di Parma (una donna di 80 anni e 2 uomini di 89 e 91 anni); 4 in provincia di Reggio Emilia (una donna di 84 anni e 3 uomini, rispettivamente di 53, 72 e 76 anni); 4 nel modenese (2 donne di 76 e 81 anni e 2 uomini di 77 e 82 anni); 8 nella provincia di Bologna (5 donne di 67, 73, 78, 84, 86 e 3 uomini di 74, 90 e 94 anni, quest’ultimo residente a Imola); 1 nel ferrarese (un uomo di 64 anni); 3 nella provincia di Ravenna (una donna di 94 anni e 2 uomini di 77 e 79 anni), 4 in quella di Forlì-Cesena (una donna di 74 anni e 3 uomini, rispettivamente di 59, 81 e 85 anni) e 5 in quella di Rimini (4 donne rispettivamente di 81,84, 92 e 93 anni e un uomo di 77 anni).

In totale, dall’inizio dell’epidemia i decessi in regione sono stati 12.340.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 334 (-9 rispetto a ieri), 2.805 quelli negli altri reparti Covid (-111).

Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 10 a Piacenza (numero invariato rispetto a ieri), 31 a Parma (- 2), 33 a Reggio Emilia (-1), 63 a Modena (+1), 85 a Bologna (-2), 15 a Imola (-1), 40 a Ferrara (invariato), 18 a Ravenna (invariato), 8 a Forlì (-2), 4 a Cesena (- 1) e 27 a Rimini (-1).

Questi i casi di positività sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 22.159 a Piacenza (+35 rispetto a ieri, di cui 28 sintomatici), 24.507 a Parma (+193, di cui 137 sintomatici), 42.005 a Reggio Emilia (+162, di cui 97 sintomatici), 59.784 a Modena (+279, di cui 199 sintomatici), 75.306 a Bologna (+346, di cui 238 sintomatici), 11.894 casi a Imola (+26, di cui 22 sintomatici), 21.440 a Ferrara (+133, di cui 37 sintomatici), 27.445 a Ravenna (+102, di cui 60 sintomatici), 14.653 a Forlì (+72, di cui 52 sintomatici), 17.477a Cesena (+81, di cui 50 sintomatici) e 33.152 a Rimini (+96, di cui 47 sintomatici). /OC