Imola. “Drive in the heart of Italy” è il nome di un nuovo progetto di promozione territoriale aperto a tutti i 23 Comuni aderenti a Con.Ami, con la partecipazione della Città Metropolitana di Bologna.

La progettualità muoverà il suo primo passo in occasione dell’imminente Formula 1 Pirelli Gran Premio del Made in Italy e dell’Emilia-Romagna, in programma dal 16 al 18 aprile, all’autodromo internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola. Un atteso appuntamento automobilistico durante il quale i milioni di telespettatori collegati in tutto il mondo potranno notare la scritta Terre&Motori, accompagnata dall’indirizzo visit.autodromoimola.it, pubblicizzata nel ponte in uscita dalla curva Rivazza ed in altri cartelli esposti a bordo pista.

Il collegamento web, inserito all’interno del portale ufficiale dell’autodromo imolese, fornirà all’utente la possibilità di trovare alcune delle tante eccellenze turistiche del territorio, tra le quali anche il tour del tracciato con la “Navetta dei motori”, navigando tra i servizi e le offerte Experience di Imola Faenza Tourism Company e della sua agenzia viaggi “Life in Tour”, selezionabili per tipologia (Es: motori, enogastronomia, cicloturismo, ecc.).

Subito dopo la conclusione del Gran Premio sulle rive del Santerno, Terre&Motori svilupperà un cluster volto ad innalzare l’elemento qualitativo dell’offerta nel suo complesso attraverso forme collaborative tra i player in campo per incrementare le ricadute economiche sul territorio ed attrarre, durante l’intero anno, l’interesse di potenziali turisti italiani ed esteri. Una lente di ingrandimento capace di valorizzare i molteplici patrimoni di un territorio rinomato per la qualità e la varietà della propria offerta artistica, culturale ed enogastronomica con un focus particolare dedicato agli appassionati del motorsport in proiezione della possibile presenza fissa di Imola nel calendario iridato del massimo circus a quattro ruote motorizzate.

“L’idea di Terre&Motori nasce da una riflessione sull’opportunità per Con.Ami di poter contare sul grande palcoscenico del Gran Premio per finalità promozionali. Abbiamo così ritenuto utile trasferire questa possibilità direttamente ai territori, coerentemente con quella logica di collaborazione e di sinergia che distingue l’azione del nostro Consorzio. Con questo progetto di valorizzazione turistica si intende trasmettere a livello internazionale i valori tangibili e intangibili di questo vasto territorio, contribuendo allo sviluppo delle imprese locali e di creare quella attrattività in grado anche di favorire la nascita o l’insediamento di nuove attività. Grazie alla messa in rete delle competenze già esistenti in seno a Con.Ami e alle proprie partecipate, quali IF e Formula Imola, abbiamo potuto avviare il progetto rapidamente, cogliendo così l’occasione di avere una vetrina di questa valenza”, spiega Fabio Bacchilega, presidente di Con.Ami.

“Questo progetto è un segno di ripartenza che ci vede finalmente tutti coordinati. Va detto subito che quello che nasce oggi non è un nuovo ente, ma una ‘destinazione turistica’ che amplia i confini di quella di Bologna, integrandola con il territorio di tutti i Comuni del Con.Ami. Per questo, sono particolarmente contento della disponibilità offerta da tutti i sindaci del Con.Ami e dalla Città Metropolitana, che hanno colto con entusiasmo questa idea che ci permette di avviare un nuovo percorso per lo sviluppo di un’attività promozionale di incoming, sinergica e a beneficio di tutto il territorio, che nello specifico si estende su due Regioni, tre Province e una settantina di Comuni. Quello di oggi è il primo di una lunga serie di passi, che ci vedranno presentare proposte di valorizzazione turistica anche in altri ambiti, oltre alla F.1: penso agli altri sport, a partire dal ciclismo, a quello culturale, industriale, con particolare riferimento alla ceramica ed alla meccatronica. Perché nel momento in cui è necessario dare risposte progettuali noi aggiungiamo, nero su bianco, un’opportunità per i bisogni del sistema turistico locale che vuole guardare al futuro” dichiara Marco Panieri, sindaco di Imola e presidente dell’Assemblea dei Comuni soci di Con.Ami.

“La progettualità di Terre&Motori dimostra ancora una volta come il lavorare insieme possa portare risultati concreti ad un territorio vasto come quello della nostra area metropolitana. Il nostro biglietto da visita comprende esperienze uniche: dalla Motor Valley alla Food Valley, passando per i musei, la cultura diffusa e le bellezze naturali del nostro territorio. Siamo dunque pronti per intercettare una nuova domanda di turismo, sia interno sia internazionale, forti delle esperienze che in questi anni siamo riusciti a mettere in campo. Ringrazio tutti i 23 Comuni aderenti a Con.Ami e il lavoro svolto dalla Città metropolitana”, commenta Matteo Lepore, presidente del Comitato di indirizzo della Destinazione turistica metropolitana.

Terre&Motori è destinato, principalmente, ad un pubblico capace di apprezzare la spontaneità di un suggerimento per una visita di valore sul territorio. Un riferimento nel quale la suggestione della grande tradizione motoristica ed il fascino dell’agonismo in pista si intersecano con la ricca offerta sportiva, la cura dell’ambiente, i patrimoni artistici e culturali, la musica e l’enogastronomia. Non solo. Benessere, termalismo, cicloturismo e tutto ciò che può rendere slow e rigenerante un soggiorno in questa ampia ed interessante area che comprende i territori del bolognese, dell’imolese, del ravennate e dell’alto Mugello fiorentino.

(Foto IsolaPress)