Imola. Davvero emozionante, divertente, con tanti sorpassi all’ultimo respiro, nell’autodromo “Enzo e Dino Ferrari”, il “Formula 1 Pirelli Gran Premio del Made in Italy e dell’Emilia-Romagna 2021” che si è svolto il 18 aprile.

Da sinistra Stefano Bonaccini, Luigi Di Maio e Marco Panieri

Si tratta della seconda volta in sei mesi che il “grande circo” della Formula Uno fa tappa a Imola e l’appetito vien mangiando. Da parte sua, il sindaco Marco Panieri ne ha parlato con il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e il presidente dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini.


“La seconda gara della F1 della stagione, la prima in Europa – ha spiegato Panieri – è il risultato di un gioco di squadra per il quale devo dire grazie al Ministero degli Affari Esteri, quindi al ministro Luigi Di Maio, che era presente a Imola, all’ICE, alla Regione Emilia-Romagna e al suo presidente Stefano Bonaccini, anche lui in autodromo, all’Aci,  a Motor Valley, a Terre&Motori, che è un po’ la novità e che rappresenta il territorio, al Con.Ami: tutti insieme con la città di Imola hanno reso possibile questo risultato. Ora stiamo lavorando per vedere stabilmente l’autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola nel calendario della Formula 1. Come hanno detto sia il ministro Di Maio sia il presidente Bonaccini, c’è stata una interlocuzione che ci ha portato a confermare quelle che sono le disponibilità: per questo è necessario giocare di squadra e vedere. Noi nel calendario vogliamo esserci, anche all’inizio”.

Naturalmente, la speranza di tutti è di avere il terzo Gp di F1 anche nella prossima stagione, stavolta però con la presenza del pubblico che avrebbe scaldato con il suo calore una gara così interessante e divertente