Un’altra giornata con un alto numero di decessi a livello nazionale: 390. L’Ausl di Imola oggi non segnala decessi, mentre in regione i morti sono 27. Calano però ricoveri e terapie intensive. In Italia 12.074 positivi con un indice di positività in calo al 4,1% (ieri 6%). In Emilia Romagna i nuovi positivi sono 740 e indice al 2,6% (ieri 7,9%). Nel territorio imolese i casi sono 8 (ieri erano 20) con 188 test molecolari e 94 antigenici rapidi refertati, per un indice di positività al 2,8% (ieri 4%).

Aggiornamento Italia ore 12 del 20 aprile

A livello nazionale 390 decessi (ieri 251) e 12.074 positivi (ieri 8.864) con 290.045 tamponi (ieri 146.728). I decessi da inizio pandemia sono 117.633, i casi complessivi 3.891.063. Ancora un calo elevato degli attuali positivi: 482.715 (nelle 24 ore – 10.774), segna meno anche per i ricoverati nelle terapie intensive, il saldo tra ingressi e uscite segna – 93, i nuovi ingressi sono182 (ieri 163), per un totale di 3.151. Calano anche per i ricoverati con sintomi nei reparti ordinari Covid, – 487 per un totale di 23.255. In isolamento domiciliare ci sono 456.309 persone (ieri 466.503). I guariti nelle 24 ore sono 22.543 per un totale di 3.290.715.

L’Emilia Romagna registra 27 decessi (ieri 32). I positivi sono 740 (ieri 877), con 28.134 tamponi (ieri 11.045). I guariti sono 3.032, in calo i casi attivi totali: 60.963 (- 2.319 rispetto a ieri), così come le terapie intensiva: – 5, per un totale di 291 e i ricoverati negli altri reparti Covid: 2.171 (- 84).

I positivi in Italia

La regione con più contagi in giornata è la Campania: 1.750 (1.334), seguono Lombardia 1.670 (1.040), Puglia 1.180 (584), Sicilia 1.148 (1.123). Tutte le altre regioni hanno segnalato meno di mille contagiati. Nessuna regione con zero casi di positività.

La situazione di ieri >>>>

La situazione in Italia in tempo reale >>>>

Le vaccinazioni in Italia >>>>

La situazione nell’Ausl di Imola

Sono 8 i nuovi positivi, su 188 test molecolari e 94 antigenici rapidi refertati. Nessuna positività fino ai 14 anni, 2 sono tra i 15 ed i 24 anni, 3 nella fascia 25-44 anni, 3 nella fascia 45-64 e nessuna positività tra gli ultra65enni. 6 sono gli asintomatici, tutte individuate tramite il tracciamento, 7 persone erano già isolate e nessuno riferibile ad un focolaio noto.

I guariti sono 38 (ieri 47). I casi attivi sono 481 (ieri 511), 12.103 i casi totali da inizio pandemia. Nessun decesso.

25 pazienti Covid sono ricoverati nei reparti internistici, 4 in ECU (- 1), 11 in terapia intensiva (6 ad Imola) e 18 all’OsCo Covid (+ 1).

Ieri sono state eseguite 802 vaccinazioni per un totale di 35.143 da inizio campagna, di cui 24.873 prime dosi e 10.270 seconde dosi.

Il report settimanale della situazione epidemiologica >>>>

Ausl Imola, vaccinazioni persone vulnerabili

Anche l’Ausl di Imola sta contattando in questi giorni i genitori di ragazzi disabili o estremamente vulnerabili minori di 16 anni, che non possono quindi vaccinarsi in quanto non esiste un vaccino autorizzato al di sotto dei 16 anni. Il primo contatto telefonico per gli accordi viene garantito direttamente dai servizi che hanno in carico il giovane paziente. Dalla prossima settimana, quando sono attese consegne di vaccini che garantiranno questa opportunità, si avvieranno le vaccinazioni per questa categoria, composta secondo le stime da oltre un migliaio di persone.

Solo nel mese di maggio, parallelamente alla consegna di ulteriori dosi di vaccino, si apriranno le vaccinazioni anche per i conviventi di particolari categorie di estremamente vulnerabili specificati nel piano nazionale e regionale (precisamente: pazienti in trattamento con farmaci biologici o terapie immunodepressive, pazienti con grave compromissione polmonare o marcata immunodeficienza, pazienti oncologici e onco-ematologici in trattamento con farmaci immunosoppressivi, mielosoppressivi o a meno di 6 mesi dalla sospensione delle cure, pazienti in lista d’attesa o trapiantati di organo solido, pazienti trapiantati di CSE anche dopo il primo anno, nel caso che abbiano sviluppato una malattia del trapianto contro l’ospite cronica, in terapia immunosoppressiva) e per conviventi e care giver di persone con disabilità gravi.

Fin da oggi tutte le farmacie del territorio aziendale possono prenotare la vaccinazione per persone gravemente in sovrappeso, a seguito del calcolo da parte del farmacista dell’indice di massa corporea e di un risultato maggiore di 35. In questi casi i cittadini rientrano infatti nella categoria degli estremamente vulnerabili, che sono attualmente in fase di vaccinazione da parte dell’Ausl, ma spesso non sono contenuti nell’elenco regionale perché non hanno certificazione specifiche di questa vulnerabilità.

Per approfondimenti a livello regionale >>>> 

La situazione in regione

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 359.941 casi di positività, 740 in più rispetto a ieri, su un totale di 28.134 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 2,6%.

Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid, che in questa fase riguarda il personale della sanità e delle Cra, compresi i degenti delle residenze per anziani, in maggioranza già immunizzati, gli ultraottantenni in assistenza domiciliare e i loro coniugi, se di 80 o più anni, le persone dai 75 anni in su e quelle nella fascia d’età 70-74 anni.

Le vaccinazioni in Emilia Romagna >>>>

Alle ore 15 sono state somministrate complessivamente 1.333.191 dosi; 401.310 sul totale sono seconde dosi, e cioè le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: dei nuovi contagiati, 355 sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 350 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 464 sono stati individuati all’interno di focolai già noti.

L’età media dei nuovi positivi di oggi è 39,1 anni.

Sui 355 asintomatici, 278 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 35 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 2 con gli screening sierologici, 6 tramite i test pre-ricovero. Per 34 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica.

La situazione dei contagi nelle province vede Modena con 135 nuovi casi, seguita da Bologna (128). Poi Reggio Emilia (93) e Parma (76); quindi Rimini (68), Ravenna (64) e Cesena con 60 casi; Piacenza (47), Forlì (31), Ferrara (30), e infine il Circondario Imolese (8).

Il Report settimanale sull’andamento dell’epidemia in regione, disponibile al link https://bit.ly/3v2Ck0Q, contiene anche i dati di contagio in età scolastica. In particolare, i dati sono relativi a tutti i contagi che, sul territorio regionale, hanno interessato, a partire dal 14 settembre 2020 inizio delle scuole, fino al 18 aprile 2021, rispettivamente studenti/alunni e docenti/operatori scolastici di servizi educativi 0-3 anni, scuole per l’infanzia, scuole primarie di I grado, scuole secondarie di I e II grado. Oltre al numero assoluto, è indicata la percentuale dei casi positivi rispetto a tutti i casi di positività registrati in Emilia-Romagna nello stesso periodo. Infine, una tabella fotografa la situazione contagi in ambito scolastico nel periodo 5 aprile – 18 aprile 2021, nel quale si sono registrati 1.199 nuovi casi nella fascia d’età che ricomprende bambini e studenti/alunni dai servizi 0-3 anni alle superiori, il 29,6% in meno rispetto al dato delle due settimane precedenti, e 116 nuovi casi fra docenti e personale scolastico (-17,7%).

Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 14.389 tamponi molecolari, per un totale di 4.256.072. A questi si aggiungono anche 13.745 tamponi rapidi.

Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 3.032 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 286.311.

I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 60.963 (-2.319 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 58.501 (-2.230), il 96% del totale dei casi attivi.

Purtroppo, si registrano 27 nuovi decessi: 7 a Bologna (4 uomini di 75, 83, 86 e 87 anni e 3 donne di 73, 78 e 83 anni), 5 a Ravenna (3 donne di 77, 90 e 106 anni e 2 uomini di 72 e 74 anni), 4 a Modena (3 donne di 76, 89 e 94 anni e 1 uomo di 72 anni), 3 a Ferrara (2 uomini di 66 e 69 anni e 1 donna di 90 anni), 3 in provincia di Forlì-Cesena (3 uomini di 75, 77 e 92 anni), 3 a Parma (3 uomini di 64, 84 e 98 anni) e 2 a Reggio Emilia (1 donna di 81 anni e 1 uomo di 64 anni). Non si registrano decessi in provincia di Piacenza e di Rimini.

In totale, dall’inizio dell’epidemia i decessi in regione sono stati 12.667.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 291 (-5 rispetto a ieri), 2.171 quelli negli altri reparti Covid (-84).

Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 12 a Piacenza (-1 rispetto a ieri), 30 a Parma (-2), 28 a Reggio Emilia (-3), 48 a Modena (-2), 82 a Bologna (+5), 11 a Imola (invariato), 35 a Ferrara (+2), 10 a Ravenna (-2), 7 a Forlì (-1), 4 a Cesena (invariato) e 24 a Rimini (-1).

Questi i casi di positività sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 22.532 a Piacenza (+47 rispetto a ieri, di cui 29 sintomatici), 25.318 a Parma (+76, di cui 33 sintomatici), 43.352 a Reggio Emilia (+93, di cui 50 sintomatici), 61.470 a Modena (+135, di cui 51 sintomatici), 77.175 a Bologna (+128, di cui 89 sintomatici), 12.103 casi a Imola (+8, di cui 2 sintomatici), 22.116 a Ferrara (+30, di cui 7 sintomatici), 28.413 a Ravenna (+64, di cui 36 sintomatici), 15.386 a Forlì (+31, di cui 21 sintomatici), 18.022 a Cesena (+60, di cui 47 sintomatici) e 34.054 a Rimini (+68, di cui 20 sintomatici).

Rispetto ai dati comunicati nei giorni precedenti, sono stati eliminati 5 casi, di cui 4 positivi a test antigenico ma non confermati da tampone molecolare e 1 in quanto giudicato non Covid-19