Imola. Finalmente il teatro “Ebe Stignani” riapre il sipario. Dal 19 al 27 maggio prossimi, infatti, andrà in scena Mistero Buffo di Dario Fo e Franca Rame, con Matthias Martelli, per la regia di Eugenio Allegri. Questo titolo viene proposto agli spettatori in sostituzione dello spettacolo Che disastro di Peter Pan, che è stato annullato.

Matthias Martelli mentre intrpreta “Mistero Buffo”

“Siamo orgogliosi dell’organizzazione dei nostri servizi comunali. Il giorno stesso in cui abbiamo avuto notizia ufficiale della riapertura dei luoghi della cultura abbiamo completato l’organizzazione del Caterina’s Day alla Rocca Sforzesca, abbiamo riorganizzato lo studio in presenza e l’accesso allo scaffale nelle biblioteche e abbiamo messo in calendario la recita di Mistero Buffo, ottima sostituzione dell’annullato Che disastro di Peter Pan. I nostri cittadini sentono il bisogno di ricominciare a fruire collettivamente di luoghi, servizi ed opportunità culturali e noi abbiamo risposto immediatamente”, sottolinea Giacomo Gambi, assessore alla Cultura.

 Aumentate le recite, visto che i posti sono dimezzati – Il miglioramento della situazione sanitaria consente, finalmente, di riprendere le attività del teatro comunale e di andare a recuperare gli spettacoli sospesi a causa della pandemia. Naturalmente il tutto nel pieno rispetto delle misure per il distanziamento sociale, che applicate al teatro ne dimezzano la capienza, passando dai 468 posti normalmente utilizzabili a 234 posti.

Questo significa che moltissime sedute della sala non potranno essere utilizzate, come già avvenuto per il recupero dello spettacolo Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte. “Per non penalizzare nessun abbonato e per offrire a tutti la possibilità di recuperare gli spettacoli sospesi, con un grande sforzo organizzativo il teatro Stignani ha deciso di aumentare il numero delle recite anche per il prossimo spettacolo, in modo da poter distribuire gli abbonati in un numero maggiore di repliche, garantendo la sicurezza del pubblico e il rispetto dei protocolli sanitari. Ricollocare quasi duemila spettatori non è stato semplice. A fronte del nostro sforzo, ci auguriamo di poter contare sulla massima collaborazione e comprensione” spiega il direttore  dello ‘Stignani’, Luca Rebeggiani.

Le recite, infatti, passano dalle 6 di una stagione normale alle attuali 11, di cui 10 riservate agli abbonati ed 1 per la vendita dei biglietti fuori abbonamento.

Ad ogni abbonato verrà riassegnato un posto temporaneo – possibilmente nel medesimo settore di provenienza – in modo da osservare le necessarie misure di sicurezza. I posti assegnati saranno gli stessi già comunicati in occasione del recupero dello spettacolo Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte.

Proprio per agevolare al massimo gli abbonati, nei prossimi giorni il teatro manderà una lettera a ciascuno di loro, con tutte le indicazioni relative alla data ed al posto assegnatogli in base al  riallestimento delle piante dei posti. Analogamente i possessori di biglietti singoli per lo spettacolo Che disastro di Peter Pan saranno contattati e potranno riutilizzare i propri biglietti in occasione di Mistero Buffo.

 Orari delle recite – Le recite serali dello spettacolo Mistero Buffo inizieranno alle 20, in modo da consentire il rispetto del coprifuoco delle ore 22:00. Le porte del teatro si apriranno alle ore 19:00 per consentire l’accesso in piena sicurezza ai locali del teatro. Per le recite pomeridiane gli spettacoli inizieranno alle 15 con apertura porte alle 14.

 Vendita biglietti – Anche gli spettatori non ancora in possesso di biglietti avranno l’occasione di assistere allo spettacolo Mistero Buffo. Sarà infatti possibile acquistare nuovi biglietti per la sola recita di giovedì 27 maggio (ore 20:00). Questa undicesima recita è interamente dedicata alla vendita di nuovi biglietti. Non si potranno invece acquistare nuovi biglietti per tutte le altre recite, destinate agli abbonati.

L’acquisto dei biglietti sarà possibile alla biglietteria del teatro (in via Verdi 1/3), in prevendita sabato 15 maggio (ore 16-19) e martedì 18 maggior (ore 10-12); a partire dal 15 maggio sarà inoltre attiva la vendita online sul sito www.vivaticket.com . Per ragioni di natura tecnica i pagamenti presso la nostra biglietteria potranno essere effettuati solo in contanti.

Per evitare assembramenti nei locali della biglietteria in occasione delle recite, consigliamo agli interessati di approfittare delle due giornate di prevendita, che saranno sabato 15 e martedì 18 maggio.

 

Le norme da osservare per l’accesso – Per l’accesso al teatro occorre osservare le seguenti norme:

  • l’ingresso agli spettacoli serali sarà consentito dalle ore 19:00 alle ore 20:00; le recite serali inizieranno alle ore 20:00 per consentire il rispetto del ‘coprifuoco’ dalle ore 22
  • l’ingresso agli spettacoli pomeridiani sarà consentito dalle ore 14:00 alle ore 15:00;
  • all’ingresso gli spettatori saranno sottoposti al controllo della temperatura con termo scanner
  • per tutta la permanenza all’interno del teatro sarà obbligatorio indossare la mascherina chirurgica di tipo certificato o FFP2 (no mascherine di comunità o autoprodotte)
  • l’utilizzo dell’ascensore sarà consentito a una persona per volta e riservato a persone con disabilità o difficoltà motorie
  • i gruppi di congiunti ricollocati nei palchi riceveranno insieme alla presente comunicazione un modulo di autodichiarazione da compilare e consegnare al personale di sala al momento dell’ingresso
  • Per quanto riguarda l’altro titolo in sospeso, Arsenico e vecchi merletti, lo spettacolo sarà recuperato dal 23 settembre al 3 ottobre 2021. Tutte le informazioni in merito a queste recite saranno comunicate a ridosso dell’evento.

“Mi auguro che l’impegno dell’intero staff del Teatro Stignani per garantire a tutti gli spettatori il ritorno a teatro in piena sicurezza possa soddisfare le loro aspettative e che eventuali disagi involontariamente arrecati possano essere accolti con spirito collaborativo”, conclude Gambi.