Imola. Ogni anno, il 5 maggio ricorre la giornata dedicata all’importanza dell’igiene delle mani per la prevenzione delle infezioni. Per l’edizione 2021, l’Organizzazione Mondiale della Sanità si rivolge in particolare agli operatori sanitari e alle strutture in cui lavorano affinché possano praticare un’igiene delle mani efficace al letto del paziente o dove vengono erogate le cure.

Ma la pandemia ha ribadito ad ognuno di noi quanto questa pratica semplice sia fondamentale per la nostra tutela e quella delle altre persone: è infatti una delle azioni più efficaci per ridurre la diffusione degli agenti patogeni e prevenire le infezioni, compreso il Covid-19. In particolare, è possibile ridurre il rischio di infezione, proteggendo sé stessi e gli altri, seguendo alcuni accorgimenti che comprendono il lavare o igienizzare spesso le mani, soprattutto dopo aver tossito/starnutito; dopo aver assistito un malato; prima durante e dopo la preparazione di cibo; prima di mangiare; dopo essere andati in bagno; dopo aver toccato animali o le loro deiezioni o, più in generale, quando le mani sono sporche in qualunque modo, o prima di frequentare i luoghi pubblici (come ad esempio all’ingresso dei negozi) se si sono toccati oggetti o superfici esposti al contatto di molte persone (come ad esempio la merce esposta o l’interno dei mezzi pubblici).


Lo slogan della Giornata 2021 è “pochi secondi possono salvare una vita: pulisci le tue mani (Seconds save lifes-clean your hands)”.

L’Ausl di Imola da molti anni svolge una formazione continua sui propri operatori, su quelli delle CRA ed organizza campagne di sensibilizzazione rivolte ai cittadini.

Quest’anno, a partire dal 5 maggio e per tutta la settimana, presso i centri vaccinali saranno distribuite cartoline promozionali con i diversi messaggi su quando e come igienizzarsi le mani, mentre  gli operatori socio-sanitari dell’ospedale e delle CRA del territorio, parteciperanno ad un Laboratorio on line sul tema “Alcuni secondi salvano le vite: igienizziamo le nostre mani”, che ha come obiettivo formativo quello di rinforzare la pratica dell’igiene mani, che rappresenta un indicatore fondamentale di qualità assistenziale. A partire dal 5 maggio il laboratorio sarà replicato mensilmente.

Infine, entro questo mese, il Dipartimento di Sanità Pubblica in collaborazione con ANIPIO (Società Scientifica Nazionale Infermieri Specialisti nel rischio infettivo) organizzerà un breve webinar rivolto a tutti i cittadini interessati.

“Ringraziamo tutti i professionisti dell’Ausl di Imola, delle CRA, del territorio ed i Medici di famiglia, che quest’anno hanno voluto collaborare per rinforzare il messaggio dell’importanza dell’igiene delle mani– spiega la dottoressa Catia Bedosti, Nucleo Operativo Rischio Clinico dell’Ausl di Imola – facendo da testimonial con le loro foto e condividendo i dell’OMS,  un’azione semplice e poco costosa, ma che ha un impatto rilevante su prevenzione e controllo delle infezioni durante l’assistenza e nella vita di tutti i giorni”.