Imola. Su richiesta dell’Amministrazione comunale, Hera ha posizionato nelle aree verdi comunali imolesi, comprese quelle delle frazioni, trenta nuovi posacenere da strada e altrettanti ne saranno collocati nelle prossime settimane, in aggiunta a quelli già presenti in tutta la città.

In particolare, i nuovi recipienti sono stati collocati sui cestini verdi per i rifiuti da passeggio già presenti e più prossimi ai giochi per bambini, zone quindi frequentate, per cercare di contrastare e ridurre la pratica poco civile di gettare la cicca a terra, che contribuisce a sporcare la città ed è un forte elemento inquinante. Si ricorda in proposito che per l’abbandono dei mozziconi di sigaretta in strada la legge prevede sanzioni fino a 600 euro.

Ecco dove sono stati installati: nelle aree verdi ex scuola Zello, Fabbrica, Ina Casa in via Lippi, San Prospero (tra via S Prospero e via Bolognesi), via San Benedetto Croce, nei giardini Dal Monte (tra via Volta e via Andreini), Donatori di vita a Sasso, Europa Unita a Zolino, Imre Nagy (tra via Marzabotto e via Frank), il parco Sesto Imolese e quello di Sante Zennaro.

Un secondo gruppo di posacenere, sempre una trentina, sarà posizionato da Hera in altre aree verdi comunali in particolare dove sono presenti i giochi per i bambini.

Ma non basta. Per questo partirà nelle prossime settimane anche una campagna di comunicazione tramite l’affissione di locandine nelle tabaccherie e nei centri sociali di Imola, per sensibilizzare a comportamenti corretti che dovrebbero, comunque, già fare parte del senso civico dei cittadini.

 La campagna si chiama “Non buttarla a terra: se ami la tua città usa il posacenere” e ricorda a tutti che per avere una città pulita bastano poche attenzioni ed evitare di buttare un mozzicone a terra certamente contribuisce. I mozziconi, che rappresentano, dal punto di vista numerico, la frazione più numerosa della spazzatura prodotta annualmente nel mondo, impiegano da 1 a 5 anni per degradarsi e rilasciano inquinanti nell’ambiente. Si stima che ogni giorno in Italia vengano abbandonati circa 195 milioni di cicche e che quasi la metà dei rifiuti non biodegradabili nel mar Mediterraneo siano proprio mozziconi di sigaretta.

“Prosegue così l’attività iniziata con la campagna ‘Per un pugno di…mozziconi’ – spiega l’assessora all’Ambiente, Elisa Spada – che ha coinvolto cittadini, associazioni ed esercizi pubblici nella pulizia delle aree verdi della città. Le azioni che abbiamo messo in campo hanno un duplice obiettivo, da un lato sensibilizzare, dall’altro dare gli strumenti per un corretto conferimento dei mozziconi. In questo è stata fondamentale la sinergia con Hera nell’installazione dei posacenere nei parchi e giardini pubblici, in particolare nelle aree frequentate dai bambini. Un piccolo gesto per la salvaguardia del nostro ambiente”.