Imola. Il Centro Ippico Sportivo Imolese opera nel campo degli Sport Equestri da 50 lunghi anni e in questo percorso sportivo ha adottato la filosofia di farne ”Uno Sport Per Tutti”, l’obiettivo quindi è quello di dare modo anche a chi vive situazioni di disagio sociale o disabilità di avvicinarsi alle discipline che si praticano nel Circolo.


L’inclusione dei giovani disabili o con disagio sociale, viene abilmente concretizzato ogni giorno, con i laboratori ID realizzati con gli Istituti Scolastici del territorio, in convenzione con il Comune di Imola, e con i Campi Estivi che prossimamente riprenderanno per tutto il periodo di vacanze estive delle scuole.
Il Cisi ha formato personale tecnico specializzato per realizzare il progetto inclusivo e si è attrezzato con tutti gli ausili necessari all’abbattimento delle barriere architettoniche; ad oggi un Tecnico Siep e personale Tecnico di Base abilitato lavorano ogni giorno
nell’ambito degli Sport Integrati, Interventi Assistiti e Discipline Paralimpiche, e tanti saranno i progetti da realizzare rivolti a questi ragazzi
nel prossimo futuro.
Domenica 16 maggio due atleti diversamente abili hanno partecipato con successo e soddisfazione, allo Stage di Para Driving, organizzato dalla FISE con la collaborazione della referente Sporto Integrati e Pralimpici Marta Voltolini e ospitato presso il Centro Ippico Meraki (Ippodromo della Ghirlandina) a Modena.
Lo stage si è stato tenuto dal docente tecnico Fise, nonchè referente nazionale del Para Driving, Michele Dalla Pace e ha coinvolto i ragazzi per tutta la giornata, che accompagnati dalla loro Istruttrice Tecnico Siep Claudia Amante, hanno affrontato un programma intenso, dall’approccio con le nozioni tecniche sulla disciplina degli attacchi, la preparazione del cavallo, fino alla pratica vera e propria con prove di dressage e di ostacoli mobili; il risultato è stato eccellente e di massima gratificazione per i due allievi partecipanti che rendono orgogliosi il Centro Ippico Sportivo Imolese.