Imola. Ha preso forma in una stampante 3D la solidarietà espressa dal Comune riguardo alla scuola in ospedale presente al Montecatone Rehabilitation Institute. Il 19 maggio l’assessora al Welfare del Comune di Imola, Daniela Spadoni, insieme al vicesindaco ed assessore alla Scuola, Fabrizio Castellari ha infatti donato una stampante 3D alla “scuola in ospedale” di Montecatone. Alla cerimonia erano presenti, insieme ai due amministratori imolesi, il direttore generale dell’Istituto di Montecatone, Mario Tubertini, la responsabile della Scuola in Ospedale di Montecatone, Daniela Loreti il vicepreside Istituto “Bartolomeo Scappi” di Castel San Pietro Terme, Francesco Chiaiese (l’istituto garantisce la continuità scolastica per tutti gli studenti iscritti a qualsiasi ordine di scuola superiore) e il presidente dei soci del circondario imolese di Coop Alleanza, Christian Fossi.

La donazione è stata possibile grazie al cospicuo numero di “buoni scuola” ottenuti con la spesa fatta per i “Ristori-ter”. Ricordiamo, infatti che il Comune, nell’ambito dei fondi ricevuti dal governo all’interno del decreto “Ristori – ter”, i cosiddetti ‘buoni spesa” da distribuire per scopi di solidarietà alimentare, aveva indetto la procedura per la selezione di un fornitore appartenente in modo formale alla Grande Distribuzione Organizzata (G.D.O) dotato di almeno un punto vendita in Imola, per l’acquisizione di generi alimentari e beni di prima necessità, da acquisirsi e distribuirsi a cura della Fondazione Banco Alimentare Emilia Romagna ONLUS entro il 31/12/2021.

Ad aggiudicarsi il bando è stata la Coop Alleanza 3.0. Proprio durante il primo bando Ristori-Ter era attivo il concorso “Coop per la scuola 2020”, che prevedeva, dal 3 settembre al 25 novembre 2020, che per ogni 15 euro di spesa, con l’acquisto di prodotti Vivi Verde e/o di prodotti sponsor, i clienti ricevessero un buono Coop per la Scuola, che andava poi registrato sul portale e dava diritto a ricevere materiale didattico scelto dalla scuola stessa.

Visto l’elevato numero di “buoni scuola” ottenuti in questo modo, l’assessora Spadoni ha deciso di donarli alla “scuola in ospedale” presente a Montecatone. Il personale della scuola, aggiungendo a quelli donati dal Comune, i ‘buoni scuola’ da loro raccolti, ha scelto di acquistare una stampante 3D.