Imola. Dopo la prova generale di martedì 18 maggio, che ha visto la presenza di 200 under 20 che hanno potuto assistere gratuitamente allo spettacolo, mercoledì 19 sera il teatro comunale ‘Stignani’ ha riaperto ufficialmente al pubblico con la prima delle 11 repliche di Mistero Buffo di Dario Fo e Franca Rame, con Matthias Martelli, per la regia di Eugenio Allegri. Questo titolo viene proposto agli spettatori dal 19 al 27 maggio, in sostituzione dello spettacolo Che disastro di Peter Pan, che è stato annullato.

Il saluto al pubblico, di bentornato a teatro – In occasione di questa riapertura al pubblico del teatro, che consente di recuperare gli spettacoli sospesi a causa della pandemia, il sindaco Marco Panieri, l’assessore alla Cultura, Giacomo Gambi ed il direttore del teatro, Luca Rebeggiani, hanno voluto portare un breve saluto di bentornato al pubblico, oltre che di benvenuto alla compagnia.

“E’ una grande emozione riavervi qui, dopo mesi di congelamento dell’attività. Questi venti mesi di fermo ci hanno insegnato che anche i teatri, a restare chiusi, si ammalano. Per questo abbiamo sempre cercato di mantenere accesa la fiammella della ripartenza ed oggi possiamo farlo con grande entusiasmo” ha detto il direttore del teatro, Luca Rebeggiani.

“Bentornati a teatro. E bellissimo vederlo riaperto e pieno, nel massimo di quanto consentito dalle misure vigenti. Così come ci ha scaldato il cuore vedere tanti under 20 presenti all’anteprima. Per questa riapertura un grazie va a tutto il personale del teatro che si è attivato con grande professionalità per rendere possibile a tutti gli abbonati, e non solo, la visione di questo straordinario spettacolo”, ha aggiunto da parte sua l’assessore alla Cultura, Giacomo Gambi.

“Vogliamo ricominciare dalla cultura, insieme. Vedervi qui, stasera, ci dà la forza per ripartire, con l’obiettivo di lanciare un messaggio di fiducia nel futuro. E la presenza di tanti giovani all’anteprima è un aspetto molto positivo, che va nella direzione di una città che mette la cultura al primo posto” ha concluso il sindaco Marco Panieri.

Undici repliche, dal 19 al 27 maggio – Ricordiamo che per rispettare le misure per il distanziamento sociale, la capienza del teatro è stata dimezzata, passando dai 468 posti normalmente utilizzabili a 234 posti. Per non penalizzare nessun abbonato e per offrire a tutti la possibilità di recuperare gli spettacoli sospesi, garantendo la sicurezza del pubblico e il rispetto dei protocolli sanitari, con un grande sforzo organizzativo il teatro Stignani ha deciso di aumentare il numero delle recite, che sono passate da 6 ad 11, dal 19 al 27 maggio, di cui 10 riservate agli abbonati ed una per la vendita dei biglietti fuori abbonamento. In questo modo sono stati ricollocati quasi duemila spettatori, cosa non semplice, ma portata a termine con successo.

Orari delle recite – Le recite serali dello spettacolo Mistero Buffo inizieranno alle 20 in modo da consentire il rispetto del coprifuoco. Le porte del teatro si apriranno alle 19 per consentire l’accesso in piena sicurezza ai locali del teatro. Per le recite pomeridiane gli spettacoli inizieranno alle 15 con apertura porte alle 14.

 Vendita biglietti – Anche gli spettatori non ancora in possesso di biglietti avranno l’occasione di assistere allo spettacolo Mistero Buffo. Sarà infatti possibile acquistare nuovi biglietti per la sola recita di giovedì 27 maggio (alle 20): fino a giovedì 27/05 dalle 18 alle 20; sabato 22 e domenica 23/05 dalle 13,30 alle 15. Presso la biglietteria del teatro sarà possibile effettuare pagamenti solo in contanti. A partire dalle ore 19 del 15/05 sarà attiva anche la vendita online sul portale www.vivaticket.com

Questa undicesima recita è interamente dedicata alla vendita di nuovi biglietti. Non si potranno invece acquistare nuovi biglietti per tutte le altre recite, destinate agli abbonati.