Gironzolare dove sono state girate le pellicole per il grande e piccolo schermo…: da questa idea nasce il progetto turistico della rete di Pro Loco a est di Bologna Plnet dal titolo “Ciak…si gironzola”, finanziato nell’ambito del bando della legge regionale 5/2016 della Regione Emilia-Romagna, che propone di scoprire i territori (e i set) di Castel San Pietro Terme (capofila della rete), Ozzano dell’Emilia, Dozza, Castel Guelfo, Mordano, Medicina, Imola, Borgo Tossignano e Castel del Rio.

Da sinistra il sindaco di Castel San Pietro Fausto Tinti e la presidente della Pro Loco Raimonda Raggi

Un progetto che è stato presentato in conferenza stampa dal sindaco di Castel San Pietro Terme Fausto Tinti e dalla presidente Raimonda Raggi dell’associazione turistica Pro Loco di Castel San Pietro Terme, con la partecipazione del presidente di UNPLI Regionale Virgilio Garganelli, e di numerosi rappresentanti dei Comuni e delle Pro Loco coinvolte.

“Dopo l’esperienza sul cammino della Linea Gotica (il cui fascicolo è già in vetrina a ExtraBo), presentiamo il progetto ‘Ciak si gironzola’ – ha affermato il sindaco Fausto Tinti – che, in modo del tutto attuale, mette al centro dell’attenzione il lavoro degli artisti del mondo dello spettacolo e della cultura che si sono dovuti fermare per la pandemia. Il vero valore di questo progetto è la capacità di fare rete delle Pro Loco ed è importante che queste iniziative vengano sempre di più riconosciute a livello metropolitano”.

Negli anni numerose produzioni e diversi registi hanno scelto questi territori come set: è il caso, ad esempio, dei film come Teresa di Dino Risi, L’uomo che verrà di Giorgio Diritti, La Cina è vicina di Marco Bellocchio, Il deserto rosso di Michelangelo Antonioni, Veloce come il vento di Matteo Rovere, L’ispettore Coliandro e Diabolik dei Manetti Bros.

In “Ciak… si gironzola”, i nove territori si raccontano attraverso tre percorsi ricchi di storia e storie, che danno risalto agli aspetti storico-artistici, naturalistici ed ambientali, fra pianura e collina. In questo grande “set” a cielo aperto, vasto e variegato, la Storia scritta da viaggiatori e mercanti, papi e re, si mischia e si confonde con le storie messe in scena da registi, produttori, scenografi e attori che hanno fermato il tempo con l’ausilio della Settima Arte.

Il progetto comprende un video promozionale ed un opuscolo dei percorsi a cui si allegano i flyer delle singole Pro Loco. I materiali saranno utilizzati come promozione turistica ma anche integrati al cartellone di eventi e attività all’aria aperta che le varie Pro Loco organizzeranno all’insegna del cinema: visite guidate ed escursioni saranno da prenotarsi presso ogni singola Pro Loco.

Questi sono i percorsi proposti, pensati per essere di interesse tanto per il turismo di prossimità quanto per visitatori da ogni dove interessati alle bellezze del Made in Italy e della settima arte:

La campagna scenografica: Ozzano dell’Emilia, Castel San Pietro Terme, Dozza

Dai borghi alle stelle: Medicina, Castel Guelfo di Bologna, Mordano

Storie e biodiversità: Imola, Borgo Tossignano, Castel del Rio